San Giorgio a Cremano. Un parco musicale per i giovani musicisti emergenti. Al via “Falanga Acustica” con artisti che si esibiranno in varie postazioni per mostrare il proprio talento

Condividi

Martedi’ 19 luglio  a chiudere  l’evento, ci sara’ Tommaso Primo.

 

San Giorgio a Cremano, 7 luglio 2022 –  Musica e aggregazione per i giovani. Torna  quest’anno Falanga Acustica, ma con un doppio appuntamento per dare la possibilità ai gruppi emergenti o ai musicisti solisti, fra i 14 e i 30 anni di esibirsi e farsi conoscere gratuitamente.

Il 18 e 19 luglio infatti, Villa Falanga si trasformerà in un parco musicale, in cui giovani musicisti suoneranno live e in acustica per mostrare le proprie abilità e animare la nostra villa.

In particolare, l’evento patrocinato dalla Città di San Giorgio a Cremano e organizzato dall’ associazione La Bottega delle Parole con la collaborazione del Forum dei Giovani e sotto la direzione artistica del professore Mario Ascione, sarà così strutturato:

Lunedì 18 luglio, dalle ore 19:00 si esibirà il “Movimento 22” in una serata all’insegna della pace.

Martedì 19 luglio invece, la villa ospiterà in varie postazioni tutti i giovani musicisti che avranno inviato la richiesta di partecipazione da oggi e fino al 18 luglio a: [email protected], mettendo in oggetto: “PARTECIPAZIONE A FALANGA ACUSTICA” ed indicando nel corpo della mail: nome, cognome, data di nascita e numero di telefono.

Nella giornata di martedì Sarà presente anche l’Accademia Sonora con i suoi maestri e talent scout e la conclusione dell’evento sarà affidata al bravissimo  musicista, Tommaso Primo.

“Promuoviamo opportunità per i nostri giovani musicisti e valorizziamo i nostri luoghi vivacizzandoli con talento e spettacoli dal vivo – spiega il Sindaco Giorgio Zinno. Diamo ai nostri ragazzi la possibilità di esibirsi e di incontrarsi nel nome della musica e dello svago.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]