San Giorgio a Cremano. Emergenza Covid. 6 casi in due istituti superiori.Tracciati tutti i contatti

Condividi

Si sottoporranno a tampone. Effettuate le sanificazioni e didattica a distanza

 

NARDONE

San Giorgio a Cremano, 14 ottobre 2020 – Casi Covid nelle scuole. Il Sindaco Giorgio Zinno comunica che al momento vi sono tre casi all’Iti Medi e altrettanti all’istituto Scotellaro. Si tratta di studenti e di un docente che sono naturalmente già stati posti in quarantena. Tracciati anche tutti i contatti dei positivi da parte della Asl che saranno sottoposti a tampone di controllo all’interno del drive in di San Sebastiano al Vesuvio, mentre i sintomatici saranno sottoposti a tampone presso la propria abitazione.

Rispetto all’Iti Medi, la Dirigente scolastica Nunzia Muto ha effettuato gli interventi di sanificazione dei luoghi dove erano presenti i soggetti risultati positivi, garantendo quindi la salubrità dei luoghi e la sicurezza degli altri docenti, alunni e personale Ata. Nei prossimi tre giorni la scuola effettuerà solo didattica a distanza, per effettuare – riferisce la dirigente scolastica – interventi nell’istituto resisi urgenti anche a causa delle ultime piogge.

Situazione analoga anche per l’istituto superiore Rocco Scotellaro. La dirigente scolastica, Marina Petrucci,  ha tenuto chiusa la scuola per un giorno al fine di sanificare l’intero istituto, negli spazi interni ed esterni.

“Mi sono reso parte attiva presso l’ASl Napoli 3, al fine di risolvere i ritardi che si stanno accumulando a causa della grande mole di contagi di questi giorni – ha detto il sindaco Giorgio Zinno. Per questo chiedo ai dirigenti scolastici di comunicare sia alla Asl che a me le positività. Stiamo facendo un grande lavoro di tracciamento per tenere sotto controllo la situazione. A tutti i concittadini va la raccomandazione di non abbassare la guardia, di rispettare tutte le misure anticovid e di agire responsabilmente”.    

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]