San Giorgio a Cremano, al via gli incontri sul PUC organizzati da FreeCremano

Condividi
San Giorgio a Cremano, 08 Luglio – Quattro incontri pubblici incentrati sul tema della pianificazione urbanistica alla presenza di esperti e personalità del panorama politico e culturale locale. E’ la nuova iniziativa lanciata dal collettivo FreeCremano in previsione dell’approvazione del preliminare del Piano urbanistico comunale pubblicato recentemente sul portale istituzionale on-line dell’Ente comunale. I principali assi tematici degli incontri riguarderanno: infrastrutture e edilizia, verde e ambiente, mobilità e servizi, rigenerazione urbana. Al termine del ciclo di dibattiti verranno raccolte le proposte provenienti dalla cittadinanza che saranno tramutate in osservazioni al preliminare del Piano. L’incontro inaugurale si terrà l’8 Luglio alle ore 19 in diretta dalla pagina Facebook di FreeCremano. Oltre ai saluti istituzionali del sindaco di Bacoli, nonchè fondatore della rete dei Comuni Free, Josi Della Ragione saranno previsti gli interventi di: Aldo Vella (ex sindaco di San Giorgio a Cremano), Antonino Pardo (esperto di pianificazione del territorio) e Italo Iozzolino (responsabile del circolo locale del Movimento 24 Agosto – Equità territoriale). Modererà il dibattito Danilo Cascone, referente di FreeCremano.

NARDONE
“Il nostro obiettivo – spiega Danilo Cascone, referente di FreeCremano, è rendere partecipi i cittadini in questi processi di pianificazione, cruciali per lo sviluppo futuro del territorio. In questo percorso partecipativo ci avvarremo del contributo di tecnici esperti in diversi ambiti disciplinari che conoscono in maniera approfondita il territorio. Si tratta quindi di una opportunità irripetibile da cogliere, sia per la cittadinanza e sia per l’Amministrazione comunale, qualora sia interessata ad accettare il nostro contributo.”

“Il PUC – conclude l’ex Consigliere comunale – è uno strumento fondamentale di pianificazione di lungo termine per venire incontro alle esigenze, in continua mutazione, della comunità. Un documento nel quale si dovrebbe tracciare la visione futura dello sviluppo del territorio in un’ottica di sistema. In Città sono numerose le aree abbandonate che attendono una rigenerazione, tenendo conto di fattori peculiari del nostro territorio come l’estrema urbanizzazione e il rischio sismico e vulcanologico.
Mi auguro che, d’ora in avanti, si possa instaurare un dialogo costruttivo con l’Amministrazione comunale che al momento, nonostante i diversi tentativi, non è mai decollato”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]