Salute: arte, design e imprenditoria contro tumore seno. Domani appuntamento a Roma

Condividi
“Non un semplice omaggio alla donna, piuttosto una dimostrazione della forza e della determinazione di tutte noi. Abbiamo scelto l’arte come mezzo per veicolare il nostro messaggio e lo abbiamo fatto in favore di Komen Italia. Il 13 ottobre Localiarreda ospiterà noi Donne per una serata di arte, design e imprenditoria femminile per sostenere insieme nella lotta ai tumori del seno”.
Così dichiara Federica Nobili, concept designer di L2lux made in Italy, in merito all’iniziativa di beneficienza realizzata insieme a Komen Italia,  organizzazione in prima linea nella lotta ai tumori del seno.
“La nostra azienda, attiva da anni nel settore Ho.Re.Ca. e Retail, è composta  quasi interamente da donne. Sostenere, quindi, e accogliere eventi di questo genere è per noi di Localiarreda fondamentale”.  Sostiene Andrea Nonni, CEO e Founder di Localiarreda, azienda di progettazione e realizzazione di locali commerciali.
“Con Federica e tutti gli altri sponsor ci siamo trovati subito e abbiamo deciso insieme di organizzare l’evento ‘Donna’  mettendo insieme le storie e le opere di queste artiste designer che sono il baluardo italiano dello spirito imprenditoriale femminile”.
Alla realizzazione della serata del 13 ottobre contribuiranno con le proprie esposizioni  anche WhiteCeramic made in Italy, BuongiornoAdele e Federica Cottone.  “Donne che come me -continua Federica Nobili- hanno ridisegnato i vecchi schemi, diventando leader imprenditoriali femminili.
E abbiamo deciso tutte insieme di devolvere parte del ricavato della serata all’organizzazione Komen Italia, da anni attiva nella lotta e nella prevenzione del tumore del seno.  Vogliamo, quindi raccontare, attraverso l’arte, le esperienze delle donne che hanno combattuto la malattia e si sono fatte portavoce di questa battaglia”, conclude Federica Nobili.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]