Salerno: sicurezza partecipata insieme agli amministratori locali

Condividi
Apprezzamento del prefetto per l’implementazione della videosorveglianza in alcuni comuni

Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica oggi a Salerno esteso alla partecipazione degli amministratori locali della provincia. L’obiettivo è, infatti, coinvolgere i 158 comuni del salernitano attraverso incontri periodici per macro-aree territoriali. All’incontro, presieduto dal prefetto, Francesco Russo, hanno partecipato i sindaci e i comandanti delle polizie municipali di Baronissi, Bracigliano, Fisciano, Mercato San Severino, Pellezzano, Roccapiemonte e Siano – oltre ai vertici provinciali delle Forze di Polizia e il Comandante della Compagnia Carabinieri di Mercato San Severino.

NARDONE

Dai contributi sono emerse alcune tematiche comuni al territorio della Valle dell’Irno, punto di snodo cruciale per i collegamenti con l’area napoletana, attraverso l’agro nocerino-sarnese, e con la provincia di Avellino, che risente fortemente della vicinanza delle province contermini e della presenza di nuclei industriali e centri di interesse, come il Polo Universitario e l’Ikea.

Un focus, inoltre, è stato dedicato al tema “viabilità” per la presenza di importanti arterie di collegamento – il raccordo Salerno – Avellino, l’A3 Napoli – Salerno, la Statale 88 dei Due Principati, la Tangenziale di Salerno, con volumi di traffico molto intensi nelle ore di punta e il passaggio di mezzi pesanti anche all’interno dei centri abitati.

Vista, poi, la necessità di implementare i sistemi per la videosorveglianza, il prefetto ha espresso il proprio apprezzamento per i comuni che hanno già avviato delle “prassi virtuose”, sperimentando l’uso di telecamere in grado di attivarsi automaticamente in presenza di segnali di alert e di foto-trappole per contrastare l’abbandono di rifiuti.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]