Salerno, nuovi strumenti telematici per contrastare le infiltrazioni mafiose

Condividi

Con il protocollo firmato in prefettura, la Camera di Commercio mette a disposizione i dati sulle imprese

La prefettura di Salerno, le Forze di Polizia e la DIA avranno accesso gratuitamente alla piattaforma REX-Regional Explorer e agli applicativi “R.I. Visual”, “R.I. Build” e “R.I. Map” di Telemaco.

Il protocollo d’intesa per la Legalità e la Trasparenza nell’attività delle imprese in provincia di Salerno che ne prevede l’utilizzo è stato, infatti, firmato oggi in prefettura dal prefetto di Salerno, Francesco Russo, e dal presidente della Camera di Commercio di Salerno, Andrea Prete, alla presenza dei vertici provinciali delle forze dell’ordine.

L’analisi dei dati acquisiti tramite l’utilizzo di tali strumenti informatici  permetterà di approfondire le dinamiche interne alla vita delle aziende (in particolare, governance e assetti societari), spesso sintomatiche della sussistenza di rischi di illegalità e di infiltrazioni criminali, rendendo più efficaci i controlli in tema di documentazione antimafia.

L’iniziativa nasce anche in considerazione dell’attuale crisi emergenziale che potrebbe favorire, soprattutto in alcuni settori, l’infiltrazione di organizzazioni criminali nel tessuto economico della provincia di Salerno.

Sulla questione, il prefetto Russo ha sottolineato che «tale sistema di business intelligence consentirà un attento monitoraggio del quadro economico-imprenditoriale per intercettare tutti quei fenomeni indice di illegalità, in un contesto di difficoltà per le imprese, accentuato dalla carenza di liquidità dovuta alla situazione emergenziale in atto, che può rivelarsi pericolosamente appetibile per le organizzazioni criminali».

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]