Salerno: monitor e formazione contro le aggressioni ai sanitari

Condividi

Le misure individuate dal comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica dopo gli episodi al Ruggi

Aggressioni agli operatori sanitari: un fenomeno conosciuto anche in provincia di Salerno, dove episodi recenti si sono verificati nell’azienda ospedaliera universitaria “S. Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”.

Sul tema si è concentrato oggi il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto in prefettura dal prefetto Francesco Russo.

I vertici provinciali delle Forze di polizia, il direttore generale dell’azienda sanitaria locale (Asl), il commissario straordinario dell’ospedale Ruggi, i presidenti rispettivamente dell’ordine dei medici e di quello degli infermieri di Salerno, e i rappresentanti dei sindacati di categoria, si sono confrontati su come contrastare il problema, che pone l’esigenza – manifestata dai rappresentanti sindacali – di una maggiore tutela per tutti gli operatori sanitari, soprattutto quelli più esposti a rischio perché impegnati in reparti di “front office” come i pronto soccorso, i dipartimenti di salute mentale, le carceri e le guardie mediche, o servizio di continuità assistenziale.

Le strutture sanitarie, la Asl e l’azienda ospedaliera Ruggi, stanno adottando misure di protezione del personale, che vanno dal “monitor dell’accoglienza” di prossima attivazione nel pronto soccorso del Ruggi – per consentire ai familiari dei pazienti presi in carico di seguire l’evoluzione del percorso dei propri cari, migliorando anche il rapporto tra medici, pazienti e famiglie – alla previsione di percorsi formativi mirati già in fase universitaria, per imparare il giusto approccio in situazioni di rischio aggressione in struttura.

Tra le altre misure individuate nell’ambito del comitato:

– il potenziamento dei servizi con nuove assunzioni, per ridurre i tempi di attesa;
– la regolamentazione degli accessi ai presidi ospedalieri nelle ore notturne;
– il monitoraggio degli accessi nelle ore di visita nei reparti ritenuti più “sensibili”.

In parallelo, sono già stati intensificati i passaggi di pattuglie delle Forze di polizia impegnate nel controllo del territorio, mentre è allo studio l’ipotesi di un collegamento diretto, “punto a punto”, tra ospedale e sale operative.

In programma anche il potenziamento dei sistemi di videosorveglianza già esistenti.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]