Salerno, lotta all’illegalità nei cantieri edili tramite la nuova piattaforma web SINOP

Condividi

Presentata in prefettura, consente la creazione di un database utile all’attività di controllo

Un incontro per attuare l’”Accordo organizzativo per la sicurezza nei cantieri e il contrasto al lavoro nero”, sottoscritto lo scorso 8 luglio, si è tenuto questa mattina a Salerno in prefettura, alla presenza del prefetto Francesco Russo e dei rappresentanti di ispettorato territoriale del Lavoro, azienda sanitaria locale (Asl), Associazione nazionale costruttori edili (Ance)-Salerno, Cassa edile salernitana, e degli ordini professionali di ingegneri, architetti e geometri.

NARDONE

Al centro dell’incontro, la presentazione della piattaforma telematica S.I.N.O.P. (Sistema Inserimento Notifiche Preliminari), sviluppata da una software-house messa a disposizione dalla Cassa edile salernitana e dedicata al comparto edile, che consente di mettere a disposizione le informazioni relative ai cantieri pubblici e privati, creando in tal modo un database utile per gli organi di controllo e gestione.

L’avvio della piattaforma consente un importante passo per azioni concrete a tutela della sicurezza del lavoro, per il contrasto al “sommerso” e contro lo sfruttamento nel comparto edile. Nel contempo è altrettanto necessario avviare un meccanismo virtuoso di prevenzione e formazione che sarà sviluppato – grazie al supporto della regione Campania e di Associazione nazionale comuni italiani (Anci)-Campania – con le polizie locali dei comuni, gli ordini professionali e gli enti paritetici (Ente Scuola edile e CPT Salerno).

L’accordo siglato lo scorso luglio prevedeva uno sviluppo sinergico di interventi, che si rendono ancora più indispensabili alla luce degli incidenti che non hanno risparmiato la provincia di Salerno.

Su questo delicatissimo tema è massima l’attenzione della prefettura e delle Istituzioni coinvolte a diverso titolo, che si stanno adoperando in più direzioni. Ne è testimonianza l’intervento di una settimana fa, che ha visto operare insieme sul campo l’ispettorato provinciale del Lavoro e il comando provinciale dei Carabinieri, con l’ispezione e conseguenti sanzioni, nel comune capoluogo, in aziende del settore costruzioni e lavori concessi in subappalto.

Le azioni che si stanno sviluppando muovono dalla necessità di affermare la legalità a 360 gradi, dettata dalla ripresa del comparto edile, che sta crescendo notevolmente grazie al volano del PNRR e agli incentivi del Superbonus 110%.

Per il prefetto Russo «è altrettanto necessario agire in parallelo anche attraverso un rafforzamento dell’attività di contrasto ai tentativi di infiltrazione criminale nelle imprese del settore edilizio e dei loro fornitori e subappaltatori, in linea con quanto espresso nel protocollo di legalità firmato lo scorso agosto dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese proprio con Ance».

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]