Salerno, è massima l’attenzione per l’allerta meteo

Condividi

Sforzo congiunto di Protezione civile e prefettura per assicurare una risposta pronta ed efficace sul territorio

Riunione in videoconferenza con tutti i sindaci interessati dall’allerta meteo di questi giorni nel territorio salernitano, con il passaggio al livello di allerta “rossa” nelle zone del Tusciano e Alto Sele, della Piana del Sele, dell’Alto e Basso Cilento, e la conferma del livello di allerta “arancione” nella restante parte della provincia.

NARDONE

A convocarla, in via d’urgenza, il direttore della Protezione civile regionale Italo Giulivo d’intesa col prefetto di Salerno Francesco Russo che ha contestualmente convocato i componenti del Centro coordinamento soccorsi.

Nel corso dell’incontro, sono stati esaminati i possibili scenari di rischio in relazione ai fenomeni meteorologici previsti, connessi, in particolare, alla instabilità dei versanti, all’innalzamento dei livelli dei corsi d’acqua, allo scorrimento di acque piovane con il coinvolgimento delle aree urbane.

Corale lo sforzo di tutte le istituzioni presenti per garantire la pronta risposta del “sistema di protezione civile”.

La regione Campania ha dislocato la “colonna mobile” presso la sede del Genio civile di Salerno per consentire ai volontari della protezione civile l’immediato intervento e messo a disposizione dei sindaci mezzi di soccorso aggiuntivi per eventuali situazioni emergenziali.

Il Comando provinciale dei Vigili del fuoco ha rafforzato i dispositivi di intervento nelle aree caratterizzate dal livello di allerta “rosso”, con la presenza di squadre operative aggiuntive presso i distaccamenti dei Vigili del fuoco di Agropoli e Policastro, ove sono stati dislocati mezzi anfibi e idrovore. Analoga attenzione nell’Agro Nocerino-Sarnese, benché caratterizzato da livello di allerta “arancione”, per la particolare fragilità del territorio, sotto il profilo idrogeologico e idraulico.

Il prefetto e il direttore della Protezione civile regionale hanno richiamato, infine, l’attenzione dei sindaci, quali autorità territoriali di protezione civile, sull’attuazione delle pianificazioni comunali di competenza, con particolare riferimento all’attivazione delle misure di sorveglianza e presidio del territorio, attraverso i Centri Operativi Comunali e alla corretta informazione alla popolazione in merito ai possibili rischi e ai comportamenti da adottare.

Sempre ai sindaci, un’attenzione particolare è stata richiesta circa il monitoraggio dei corsi d’acqua e l’innalzamento dei livelli pluviometrici in considerazione dei precedenti fenomeni meteorologici avversi già registrati nello stesso territorio.

Il monitoraggio della situazione è continuato anche durante la notte e nella giornata di ieri con l’attività del Centro coordinamento soccorsi.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]