Salerno, al Giardino delle Minerva l’anteprima de “Le chiavi del tuo corpo lasciale in giardino”

Condividi

Venerdì 22 dicembre, alle 20.00, il secondo cortometraggio del progetto All’Ombra dei Luoghi, scritto e diretto da Biancamaria Savo.

NARDONE

“Le chiavi del tuo corpo lasciale in giardino” è il secondo cortometraggio del progetto All’Ombra dei Luoghi, scritto e diretto da Biancamaria Savo. L’opera dipinge le bellezze dell’antico Giardino della Minerva, situato nella città di Salerno, attraverso la narrazione di alcuni momenti della vita di due personaggi storici legati indissolubilmente al passato del sito: Matteo Silvatico e la sua giovane sposa. Si potrà avere modo di vivere i più intimi pensieri e i tumultuosi sentimenti che travagliano gli animi dei due protagonisti, colti in un momento cruciale della loro esistenza, grazie all’audace sceneggiatura di Biancamaria Savo, all’espressiva fotografia di Federico Fasulo, alle musiche inedite di Vincenzo Canoro e all’affascinante interpretazione dell’attore Vanni Avallone e della ballerina Martina Di Florio. Il fascino del luogo si presta perfettamente alla sperimentazione di una nuova forma di promozione e valorizzazione del nostro territorio, ricco di mille tesori nascosti, nell’ambito di un progetto complessivo che ha avuto il suo inizio con la realizzazione del primo cortometraggio, “L’olio sui vestiti”, ambientato nell’abbazia di Santa Maria de Olearia a Maiori. 

La proiezione dell’opera cinematografica verrà impreziosita da una visita guidata del Giardino della Minerva in concomitanza dell’evento Lumina Minervae. Porterà i saluti dell’amministrazione comunale l’assessore al Bilancio e allo Sviluppo, Roberto De Luca. 

Per completare il percorso culturale, alla proiezione seguirà un piacevole momento di degustazione. 

La partecipazione all’evento è completamente gratuita. Per maggiori informazioni scrivere al seguente indirizzo email: [email protected]  

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/AllOmbradeiLuoghi/

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]