Sabato 1 e domenica 2 ottobre Don Giovanni di Moliere, adattamento Antonio Piccolo| Teatro De Filippo di Arzano

Condividi

Nel teatro Eduardo De Filippo di Arzano – che si pone come luogo di riferimento culturale per l’area nord della provincia di Napoli – sabato 1 e domenica 2 ottobre 2022 (sabato alle 20:45 e domenica alle 18) va in scena Don Giovanni. Del limite e della finzione, tratto dall’opera omonima di Molière nell’adattamento di Antonio Piccolo e la regia di Mario Autore. Entrambi interpreti insieme con Anna Bocchino, Ettore Nigro, Federica Pirone. Autore firma anche le musiche.

Lo spettacolo inaugura la rassegna di teatro d’innovazione, con la direzione artistica di Ettore Nigro e la collaborazione di Piccola Città Teatro, dal titolo Tracce Dinamiche.

È la prima volta che il teatro De Filippo affianca al cartellone principale – che vede, per la stagione 2022/23, la presenza di Peppe Barra, Carlo BuccirossoPaolo Caiazzo, Francesco Paolantoni, Biagio Izzo, Sal Da Vinci – oltre alla rassegna di danza e di “teatro in famiglia”, un cartellone di spettacoli innovativi per contenuto e linguaggio, che incarnano, ciascuno a proprio modo, il dinamico evolvere del teatro in costante dialogo con il presente e il futuro.

Nel 2014, quando è iniziata la direzione artistica di Roberta Straviano, Luca De Filippo venne a inaugurare il teatro di Arzano di persona: «Inaugurare un teatro è sempre una gioia – dichiarò sul palco al termine della commedia Sogno di una notte di mezza sbornia – è un bel teatro e vale la pena riempirlo, stare tutti insieme, una volta ridendo e un’altra volta riflettendo un po’ in più. Il teatro è un luogo straordinario in cui si scambiano le idee dal vivo. Grazie per averlo intitolato a Eduardo».

Il prossimo appuntamento del cartellone Tracce Dinamiche è venerdì 4 novembre 2022, è con Muratori, di Edoardo Erba, regia Peppe Miale, con Massimo de Matteo, Francesco Procopio, Angela De Matteo.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]