Russia – Ucraina. Zelensky e la Shoah. La Russia non è affatto isolata

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Considerando gli aspetti reali, la situazione Russia – Ucraina non può essere ridotta a tifoserie.
“- Le sanzioni contro la Russia sono state adottate solo da Stati Uniti e alleati occidentali;
– la Cina rifiuta di prendere posizione contro Mosca respingendo le pressioni di Biden;
– il Brasile e tutta l’America Latina si mantengono strettamente neutrali;
– la Turchia, pur facendo parte della Nato e mantenendo rapporti con l’Ucraina, non aderisce alle sanzioni e si candida a mediatrice;
– Israele, alleato di ferro degli Stati Uniti, continua a dialogare con Putin e lavora per una soluzione diplomatica al conflitto ucraino;
– l’India non solo non condanna la Russia, ma ora ripristina il cambio monetario rupia-rublo per continuare a commerciare in materie prime e armi con Mosca;
– il presidente del Sudafrica afferma che la colpa della guerra è degli Stati Uniti;
– Russia ed Emirati arabi uniti, nemici storici, si incontrano e convengono su una posizione non certo filo-americana.
Alla luce di tutto questo, con quale coraggio si può continuare a sostenere la tesi che l’invasione russa dell’Ucraina è “condannata dal mondo”, e che Mosca è isolata? L’impressione è che a essere isolato sia l’Occidente, rispetto a un resto del mondo che racchiude la stragrande maggioranza della popolazione e delle risorse, e che la sua politica di scontro frontale con la Russia si riveli sempre più un colossale boomerang.”
Eugenio Capozzi, storico

L’ambasciatore russo nelle Filippine ha definito la posizione neutrale del presidente Rodrigo Duterte, una posizione “equlibrata e saggia” e ha detto che i legami tra Manila e Mosca possono ancora essere rafforzati.
Nel frattempo, l’Ucraina ha rifiutato la chiamata russa ad arrendersi. Nella città portuale di Mariupol, i cittadini sono assediati con poco cibo, acqua ed energia.
“Se si invita a considerare la complessità per comprendere, immediatamente si diventa benaltristi, sostenitori dell’altra parte.
Sono stanco di un mondo manicheo, di un mondo dove solo l’insulto è permesso per relazionarsi all’altro, che è sempre nemico a priori.”
Nicola Morra, Movimento cinque stelle

E ha ragione Morra…
“Volodymyr Oleksandrovyč Zelens’kyj, da attore capace di interpretare diversi ruoli, si rivolge ai Parlamenti del mondo, utilizzando gli slogan misurati sulle rispettive idee-forza politiche degli ascoltatori.
Tutto bene sin quando, rivolto agli israeliani, prima,  è inciampato su una incongrua similitudine tra guerra in Ucraina e Shoah, poi, ha perduto credibilità, lui ebreo, dissimulando i massacri degli ebrei compiuti dagli ucraini adoratori di Hitler.”
Giancarlo Lehner, giornalista e scrittore, già parlamentare della Repubblica
“Sembra che Zelensky abbia fatto un discreto autogol alla Knesset con un paragone quantomeno azzardato…”
Vladimiro Giacché, filosofo e saggista

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.