Russia – Ucraina. L’Europa sta facendo un errore dietro l’altro

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

“L’Europa sta facendo un errore dietro l’altro. Prima per otto anni ha fatto la finta di niente, mentre l’Ucraina era infuocata dalla guerra civile. Adesso, con l’invasione russa all’Ucraina, l’Europa è caduta dal pero, reagendo in maniera totalmente contraria ai valori democratici dei quali così tanto parla, divulgando l’odio razziale contro tutto quello che arriva dalla Russia, persino contro la cultura classica. Una società civile dovrebbe impegnarsi per placare i conflitti negli altri paesi, mentre l’Europa importa la guerra a casa sua.”
Nicolai Lilin, scrittore

In Italia, poi, si fa sempre il peggio.
“I comunisti italiani, passati dal mito dell’Urss al vassallaggio nei confronti degli Usa di Clinton-Obama- Biden, si stupiscono e condannano Vladimir Putin, che ha epurato 150 funzionari dell’FSB (già KGB), spedendone parecchi in galera, addirittura nella micidiale prigione di Lefortovo.
Le epurazioni in Russia le descrivo, documenti alla mano, e le condanno da anni, attraverso libri ed articoli, quindi ho tutto il diritto morale ed intellettuale di stigmatizzare quelle odierne.
Il PCI, invece, evitò ogni commento quando le epurazioni targate Pcus riguardarono milioni di persone, fra cui oltre mille comunisti italiani, mentre Pds, Ds, Pd hanno continuato a dissimulare, ad omettere, talvolta addirittura a giustificare un certo Palmiro Togliatti, attivo e compiaciuto protagonista delle carneficine sovietiche.
Mi chiedo se i ‘compagni’ hanno il diritto, oggi, di salire in cattedra e dare lezioni al Presidente russo, erede degli idoli del PCI. Il loro Togliatti è l’antenato di Putin.”
Giancarlo Lehner, giornalista e scrittore, già parlamentare della Repubblica

“Bersani ha ragione.Diamoci una regolata anche in Europa.
La parola negoziato è scomparsa dai radar, non la pronuncia più nessuno, cancellata dal vocabolario di queste settimane.
Putin non fa nessun passo indietro e non accetta alcuna tregua nonostante una richiesta fatta “de visu” dal cancelliere austriaco, primo leader europeo a recarsi a Mosca dopo lo scoppio della guerra, e continua la sua terribile offensiva nel Dombass, mietendo vittime su vittime.
Zelensky arriva a dichiarare persona non grata il presidente della Repubblica Federale tedesca, il socialdemocratico Stenmeier, uno dei leader di quell’Europa in cui ha chiesto di entrare subito.
L’ambasciata Ucraina in Italia protesta contro la scelta di far aprire la via Crucis del venerdì santo a una cittadina russa ed a una cittadina Ucraina come segnale inequivocabile di un’aspirazione di pace.
La Svezia e la Finlandia accelerano la richiesta di ingresso nella NATO abbandonando la tradizione neutralista e per reazione la Russia aumenta i contingenti militari al confine.
Il Presidente Biden parla di genocidio e viene – giustamente aggiungo – corretto da Macron che gli raccomanda ancora una volta di abbassare i toni della polemica perché le parole durante una guerra sono come pietre.
Stiamo correndo rapidamente verso il punto di non ritorno.
Una guerra lunga che incendierà l’Europa, il pezzo di mondo più esposto dal conflitto ucraino.
Stanno emergendo gallerie degli orrori che lasceranno ferite insanabili.
Uno schiaffo all’umanità intera.
La strategia dell’occidente non può essere soltanto arginare la guerra prolungandola all’infinito.
Se vedo come si muove il primo ministro Boris Johnson capisco che questo è l’obiettivo e mi preoccupo.
Perché significa che la politica ha disertato.
E quando questo accade – soprattutto in Occidente – una volta su due finisce male.”
Arturo Scotto, Leu – Articolo Uno

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.