Rosa Criscuolo , Ass.Diritto alla Follia : “Un malato psichico non e’ un criminale”

Condividi

Dalla morte di Marcello Esposito (https://www.youtube.com/watch?v=w_yLI-ZnIS4 ) ,(https://www.ilmonito.it/napoli-speciale-giustizia-caso-esposito/) sono passati piu’ di tre anni e grazie alla sensibilita’ dell’ avvocato Michele Capano , famoso per essere il legale della famiglia Mastrogiovanni , abbiamo potuto continuare il percorso di conquista dei diritti per i malati di mente che in Italia vengono trattati alla stregua di  criminali o ammazzati . La cosa che piu’  spaventa e’ che le famiglie sono lasciate da sole anche durante un eventuale decesso e impotenti rispetto ad un processo che pende tutto da una sola parte  . Parlare di Tso , ex opg e rems , riabilitazione e cure per malati psichici e’ fondamentale in Italia . Studiare un percorso giudiziario tale da poter garantire giustizia a coloro che vengono sottoposti a vere e proprie torture invece di essere curati e rispettati nei loro diritti costituzionalmente garantiti e’ un obbligo e un dovere .Se le persone avessero avuto (o avessero) la libertà di scegliere se e come “curarsi”, i manicomi non sarebbero mai esistiti e le pratiche violente e invasive che ivi si praticavano (e si continuano a praticare nei reparti psichiatrici post riforma) non sarebbero rimaste impunite.
Se l’internamento manicomiale veniva salutato come un mezzo necessario a garantire la società dal folle, il trattamento sanitario obbligatorio (TSO) oggi viene riproposto come istituto di tutela del diritto alla salute degli individui.
Tutto è cambiato perché niente cambi.

Con l’ Associazione Diritto alla Follia ( https://www.radioradicale.it/scheda/591121/ii-congresso-dellassociazione-radicale-diritti-alla-follia) intendiamo aiutare lo Stato ad uscire dalla flagranza di reato legalizzando un percorso ispirato alla garanzia dei diritti costituzionalmente garantiti , così Rosa Criscuolo .

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]