Romantica atmosfera alla Reggia di Caserta con Mario Biondi. La musica soul entusiasma ‘Un’estate da re’

Condividi

Che cos’è l’amore? Lo ha spiegato in musica nel suo concerto ‘Romantic’, Mario Biondi, anima soul tutta italiana.
Protagonista indiscusso della terza serata in programma con ‘Un’estate da re’, manifestazione promossa da Scabec, Regione Campania e Ministero della Cultura, Biondi ammette: “Non sapete quanta forza ci state dando in questo periodo con la vostra presenza. Noi artisti avevamo bisogno di questa dimostrazione – ed aggiunge – L’ultima volta che sono stato qui a Caserta è stata quando “marcavo visita” da soldato”.

Artista di fama internazionale, ma italianissimo nel modo di esprimersi e pensare, Mario è da sempre impegnato a divulgare all’estero lo spirito italiano, come confessa sul palco: “Quando siamo all’estero proviamo a rappresentare una proposta un po’ più ‘freak’ dell’Italia, quella che lo stesso Battisti ha diffuso negli anni 70. Intendiamo parlare di un’italianitá priva di cliché e più dinamica, come le canzoni che presentiamo. L’inglese mi ha dato notorietà, ma siamo italiani e la nostra terra la portiamo ovunque”.

Dopo Barry White è infatti lui il re della musica dal ritmo accattivante supportato dalla voce calda e corposa dell’artista catanese, che di fatto ha lasciato ballare il pubblico di ‘Un’estate da re’, contagiato da un ritmo elegante, ma incalzante, su cui è inevitabile danzare!

In un’atmosfera frizzante, sotto il cielo stellato della Reggia di Caserta, Biondi presenta i suoi successi in inglese, ma anche i suoi ultimi lavori intonati in italiano, insieme ad un graditissimo omaggio rivolto a Lucio Battisti con ‘Prendila così’.

Si canta d’amore e davvero non basta mai! Nonostante un infortunio al piede che gli impedisce grandi movimenti sul palco, Mario Biondi non si risparmia e si dedica calorosamente al nutrito pubblico della Reggia, che gli ha fatto registrare un significativo sold out.

Il romanticismo è ovunque e rappresenta un input comunicativo importante, in un momento storico in cui spesso si parla di violenza.

Figlio d’arte, il crooner siciliano promuove così il suo ultimo album uscito a marzo, intitolato appunto ‘Romantic’, inserendo in scaletta grandi successi con brani inediti.
Lui che si è più volte definito un vero romantico, anche a Caserta regala splendide emozioni tra swing, jazz, bossa nova, blues e pop, che contaminano l’udito dei presenti, educandoli ad un ascolto attivo e variegato che arriva appunto all’anima, come intende fare il soul che Mario Biondi ben rappresenta nel mondo.

Credits: foto di Arturo Favella

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.