Riforma della Giustizia, lavori in corso

Condividi
Anna Tortora

Nella dimensione dell’interdipendenza, nel carattere di interconnessione tra etica pubblica e comportamenti individuali, nel superamento di una cultura del frammento si delinea l’orizzonte della questione centrale e radicale del rinnovamento della Giustizia.

NARDONE

“Serve una riforma della Giustizia in Italia.
Finalmente abbiamo tutte le condizioni per farla: abbiamo un ministro di grande autorevolezza e competenza, Marta Cartabia. Abbiamo un Parlamento che finalmente sembra aver preso coscienza della necessità della riforma e persino un nuovo e più maturo atteggiamento del Movimento 5 Stelle illustrato da Di Maio nella sua lettera al Foglio. Abbiamo infine anche l’utile iniziativa referendaria di Lega e Radicali, strumento formidabile per spronare il Parlamento.
Dopo tutto quello che abbiamo visto in questi anni ora non possiamo sprecare quest’occasione storica. Anche perché, se ci serve un ulteriore motivo, anche da questa riforma dipenderanno i fondi europei del Recovery e l’efficacia del loro impiego”.
Maurizio Lupi, Noi con l’Italia

Operazione referendum
“Devo ricordarmi di cercare un banchetto per firmare i sei quesiti referendari sulla giustizia, proposti dai radicali e dalla Lega.
Auspico che nel frattempo il Parlamento decida di occuparsi seriamente di capire cosa è accaduto in questi anni.
Se non ora, quando?”
Guido Crosetto

Una riforma della giustizia è fondamentale in questo Paese fatto di tanti “forcaioli” e di persone propense a leggi inutili, tipo il ddl Zan.
“Sono per l’assoluta parità fra tutti i cittadini, ogni distinzione è assolutamente inaccettabile. Per questo le tutele devono riguardare tutti i cittadini, non determinate categorie in particolare. Ma le leggi a questo proposito esistono già e se non bastano possiamo aggravarle come abbiamo proposto noi. La legge Zan non aggiunge nulla e porta invece con sé un grave rischio: quello di limitare la libertà di opinione”.
Silvio Berlusconi

Ecco perché bisogna stare attenti.
“Audizioni al Senato su Ddl Zan. Dott Alfredo Mantovano, magistrato: ‘L’art. 4 dice che è legittimo ciò che è legittimo, ma poi dice che anche esso qualche volta non lo è. Un modo davvero originale di procedere. Ma questo tipo di norme non cambia l’applicazione di quanto scritto’.”
Lucio Malan, Forza Italia

Capirete quanto sia importante riformare la giustizia, ma come?
“Il lavoro della Commissione Lattanzi un passo in avanti per la riforma della giustizia.
La sintesi politica spetta alla Ministra, confidiamo che sappia trovare un punto di equilibrio nel rispetto della Costituzione”.
Cosimo Maria Ferri, Italia Viva

E se questo equilibrio non c’è?
“Draghi, la Cartabia e la sedicente “riforma della giustizia “…La più classica delle supercazzole di un sistema di potere filogiudiziario! Inutile e dannosa. Ma, d’altronde, questi sono gli eredi del gattopardo…’tutto deve cambiare perché NULLA CAMBI’! E troppi cojoni, magari in buona fede ma ignoranti come capre, gli vanno appresso”.
Luigi Bobbio, Magistrato e già senatore della Repubblica.

loading...

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.