Ricerca persone scomparse, ad Avellino il nuovo piano provinciale

Condividi

Circolarità informativa, tempestività degli interventi e flessibilità delle procedure le caratteristiche principali delle strategie adottate

È stato presentato questa mattina ad Avellino il nuovo Piano provinciale di coordinamento per la ricerca delle persone scomparse predisposto dalla prefettura.

Il nuovo documento – illustrato alla vigilia della giornata dedicata alle persone scomparse, istituita dal Commissario straordinario del Governo per il 12 dicembre – nel riprendere l’impianto della precedente edizione, rinnova ed incrementa la prontezza operativa e la capacità di risposta degli attori sul territorio, definendo ulteriori strategie di intervento e le risorse umane e strumentali a disposizione.

Finalizzato a dare «una concreta ed efficace risposta ad un fenomeno che necessita di massima attenzione e sinergia da parte di tutti gli enti coinvolti» – come dichiarato dal prefetto Paola Spena – il piano è stato aggiornato sulla base delle recenti indicazioni del Commissario straordinario per le persone scomparse e recepisce le buone prassi maturate negli ultimi anni sul territorio.

Circolarità informativa, tempestività degli interventi e flessibilità delle procedure – in grado di adattarsi alle caratteristiche dei soggetti scomparsi ed agli scenari di riferimento – sono le caratteristiche principali del documento accanto alla introduzione di un nuovo sistema di supporto, “Copernicus”, di circuiti specifici per la scomparsa dei minori e alla possibilità di ricorrere anche al presidio istituito dalla Guardia di Finanza nel territorio di Sant’Angelo dei Lombardi per le operazioni di ricerca in zona montana.

Alla riunione hanno preso parte i rappresentanti delle Forze dell’ordine, dei Vigili del fuoco, del Soccorso Alpino e Speleologico e di tutte le componenti coinvolte a vario titolo nelle operazioni di rintraccio degli scomparsi.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]