Ricchi e Poveri in tour, oltre 50 di carriera con voce e spirito da eterni ragazzi della musica italiana

Condividi

Hanno rispettivamente 76 e 75 anni Angelo Sotgiu ed Angela Brambati deiRicchi e Poveri e rappresentano il duo evergreen della canzone italiana, sopravvissuto alla disgregazione della band che nel corso degli anni ha perso prima Marina Occhiena e poi Franco Gatti.

Da 50 anni sulla cresta dell’onda con oltre 50 album pubblicati, 12 partecipazioni sanremesi ed una vittoria conseguita al festival con il brano ‘Se mi innamoro’, la band mostra voce e spirito da eterni ragazzini. In formazione ridotta i Ricchi e Poveri continuano a far danzare l’Italia ed il mondo intero, senza conoscere battuta d’arresto, memori quei favolosi anni ’70 e ’80 che li hanno visti riempire palcoscenici e palinsesti televisivi che li hanno resi nazional popolari a furore collettivo.

Le loro canzoni sono orecchiabili, tutte ballabili. Parlano d’amore e di sentimenti puri; valori cari alle generazioni delle nostre mamme e nonne che tra gli anni Ottanta e Novanta danzavano con i figli sulle note di ‘Mamma Maria, Voule vouz dancer, Sarà perchè ti amo, Piccolo amore e Se mi innamoro’. Insomma, quando parte una canzone dei Ricchi e Poveri, si diffonde il buon umore e la bellezza degli anni d’oro della musica italiana e non solo, viene rievocata tutta, seminando per qualche minuto spensieratezza.

Così parte la carrellata di una lunghissima serie di successi canori, nati, secondo loro rivelazioni, da momenti di confidenze da backstage e cene di entourage post spettacolo , durante le quali gli stessi artisti, produttori e musicisti si ritrovavano lontano da casa a parlare spesso delle bellezze dell’Italia, di desideri di amore o conquista e volontà di evasione.

300736642 444027134357816 9204718794391160915 n

RICCHI E POVERI, IL TOUR

In continuo fermento artistico Angelo ed Angela continuano ad onorare le 22mila copie vendute nel corso della loro carriera, qualificandosi come il secondo gruppo italiano di successo dopo i Pooh per vendite discografiche e quindi gradimento di pubblico.

Il loro tour italiano sta toccando le piazze dello stivale, ma anche l’Europa. Nell’ultimo anno i Ricchi e Poveri hanno dilettato le platee di Kazakistan, Romania, Slovacchia, Austria, Svizzera, Lituania. Erano attesi anche a Kiev, ma i venti bellici hanno impedito il loro concerto.

L’amicizia di vecchia data con Clemente Mastella e la moglie li ha portati invece a celebrare la serata conclusiva della manifestazione ‘Benevento città spettacolo’, in programma dal 25 al 31 agosto.

Il sindaco Mastella ha così commentato la loro partecipazione alla kermesse musicale: “In questi sette giorni di vita complessiva della comunità di Benevento che ha determinato forme canore di presenza come questa, i Ricchi e Poveri raccolgono la volontà di cittadini di vivere nonostante le intemperie che stiamo affrontando. Sono felice che la manifestazione si chiuda in serenità con questi artisti, perchè i giorni che verranno non saranno sicuramente molto semplici. Prima il Covid e poi la triste vicenda dell’invasione dell’Ucraina sono frammenti di una sorta di vita sospesa e la musica ci dona leggerezza con questo gruppo che ha attraversato varie fasi della nostra Italia continuando a resistere e a portare un messaggio di bellezza”.

Angelo ed Angela accolgono questo complimento dedicando il loro pensiero alle vittime di guerra e al compagno Franco, lontano ormai dalla formazione musicale per tristi vicende personali. Poi invitano sul palco i bambini della città di Benevento, esortandoli a danzare con loro sulle note di ‘Voulez vous dancer’, per cancellare i brutti pensieri.

Il loro è un continuo successo di applausi e pubblico che li precede nel canto, segno di una memoria e fratellanza emotiva ben radicata nel popolo italiano, per cui la presenza dei Ricchi e Poveri rappresenta un tassello di storia della crescita di ciascuno.

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.