RIAPRE LA S.P.500 – Melito – Scampia. La soddisfazione del Consigliere Cacciapuoti: ” Un ottimo lavoro della squadra guidata dal Sindaco de Magistris”

Condividi

Napoli, 4 lug. – “Con il completamento e la prossima l’apertura al traffico della strada provinciale S.P.500 – Melito – Scampia ci saranno notevoli miglioramenti sia per lo scorrimento del traffico veicolare sia per una maggiore tutela e salubrità dell’ambiente”

NARDONE

Lo ha dichiarato  Raffaele Cacciapuoti, consigliere delegato alle Strade e Viabilità della città metropolitana di Napoli che ha annunciato l’avvio dei lavori dopo la firma  del contratto in Città Metropolitana con cui si affidano i lavori di adeguamento normativo e funzionale per l’apertura al traffico veicolare del ramo dello svincolo dell’ “Asse Mediano” con la S.P. 500 “Asse perimetrale di Melito-Scampia attualmente chiuso in direzione “Afragola-Scampia”.

I lavori, il cui costo complessivo è di 748.500 euro, prevedono il completamento, nonché l’adeguamento normativo e funzionale, del ramo della intersezione tra la ex S.S. 162 “Asse Mediano” e la Strada Provinciale 500.

“L’obiettivo è quello di semplificare i flussi di traffico provenienti da Acerra con direzione Napoli – ha proseguito Cacciapuoto – mettendo in esercizio un’infrastruttura stradale mai completata ma in gran parte già realizzata. Infatti a tutt’oggi questa parte di svincolo, benché parzialmente realizzata, risulta chiusa ed in uno stato di totale abbandono oramai divenuto intollerabile”.

“il mio ringraziamento – ha concluso Cacciapuoti – va soprattutto ai tecnici e gli amministrativi della ex Provincia che, nel tempo, hanno lavorato per raggiungere tale obiettivo strategico e che qualifica l’azione amministrativa della squadra guidata del Sindaco Metropolitano Luigi de Magistris “. 

Giovedi avverrà la consegna dei lavori, il completamento dell’opera è previsto entro 6 mesi.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]