Regione Campania, giudizio positivo da Standard & Poor’s. De Luca: Frutto della straordinaria opera di risanamento finanziario

Condividi

Venerdì scorso, a chiusura dei mercati, Standard & Poor’s ha aggiornato il rating sulla Regione Campania.

NARDONE

Il giudizio espresso è molto lusinghiero: nel confermare il rating “BBB”, l’outlook – cioè il giudizio sulla prospettiva – è “positivo”, a fronte di un outlook “negativo” espresso dalla stessa agenzia di rating nei confronti ad esempio della Repubblica Italiana.

“L’agenzia di rating – ha dichiarato il Presidente Vincenzo De Luca –  riconosce l’enorme lavoro svolto in questi anni sul fronte del risanamento del settore sanitario, sulla riduzione dell’indebitamento, sul risanamento dell’EAV, sulla riduzione delle spese correnti, sull’approvazione dei consuntivi degli esercizi pregressi, molti dei quali non venivano approvati dal 2012. Abbiamo messo in campo una straordinaria opera di risanamento finanziario, e i risultati ottenuti lo confermano”.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]