REGIONALI SICILIANE : TOTO ‘ , I GRILLINI E LA MALA UNITÀ

Condividi

Le regionali siciliane dovrebbero anticiparci in piccolo ciò che accadrà’ alle prossime politiche , cioè un disastro elettorale più ‘ per ” l’ accozzaglia ” che per il risultato .
Un ‘ isola da cui nasceva il più grande partito degli ultimi vent’anni quale Forza Italia e poi il fallimento dell’ area con l’ ex delfino di Silvio , Alfano . La caccia alle streghe che ha portato ai celebri arresti dei pilastri della casa delle libertà ha permesso l ‘ elezione di Crocetta che ha dimostrato tutta la sua inadeguatezza così si giunge al 2017 e alla probabile vittoria del Movimento . Dopo il ritorno dall’ Africa e un breve viaggio tra le campagne radicali Toto’ Cuffaro potrebbe essere quell’ elemento in grado di fare la differenza in queste regionali rispetto ad un centrodestra spaccato ed una sinistra che ha deluso . Ma chi puo’ essere la sintesi di questa unità ? Quale il candidato ? Se il centrodestra trovasse la quadra con Musumeci nonostante gli inviti del Presidente Berlusconi , con molta probabilità viaggerebbe spaccato a meno che un ‘ alleanza ” forza – ta ”  col centro e il centrosinistra non garantisse una vittoria contro un mostro creato dall’ incapacità politica di questi ultimi anni dovuta ad una classe dirigente abituata a vivere sugli allori . Il problema resta sempre il nome del candidato : Davide Faraone ? Chissà ! Che il Movimento abbia conquistato il voto di opinione dell’ isola facendo capitolare anche i beniamini dell’ antimafia e ‘ un dato evidente che potrebbe cambiare il senso di molte cose in Sicilia come in Italia .

NARDONE
loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]