Regionali campane .Scontro tra poteri forti : possibili scenari

Condividi
  • In qualche modo lo avevamo anticipato per le prossime regionali campane che i giochi sarebbero stati complicati piu’ del solito . L’ imminente sentenza De Luca sul caso Crescent sembra essersi arenata eppure avrebbe dovuto segnare il passaggio di testimone ad un’ eventuale ipotesi Roberti per la prossima elezione regionale dell’ area di centrosinistra  . Con una certa sorpresa all’ annuncio dei cambi vertici dei servizi segreti segue l’ indicazione del fedele Iannone rispetto ad una proposta di candidatura di Edmondo Cirielli , carabiniere in pensione , che potrebbe avocare a se’ il consenso di una casta che da un po’ di tempo non riceve le attenzioni della politica . Pertanto Cirielli farebbe quadrato rispetto ad una candidatura che contiene indicazioni provenienti dal governo centrale ergo completamente avulso dal contesto territoriale e quindi non riconoscibile dall’ elettore campano . Il partito di Fratelli d’ Italia peraltro e’ notevolmente indebolito  in Campania dopo l’ abbandono di big e dopo la pessima performance nazionale che ha giovato dello schema Rosatellum ma non ha visto lievitare i suoi consensi . Semmai dovesse prefigurarsi uno schema del genere  , di qualche giorno fa  i toni duri dell’ onorevole Russo rispetto alle autocandidature di Pina Castiello e Alessandra Mussolini oramai esponenti del partito di Salvini in Campania , sarebbe avvalorata la tesi di un impossibile accordo di FI e Lega . Siamo pero ‘ appena ai primi di settembre e la strada da percorrere e’ ancora lunga e per adesso completamente sbagliata .

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]