Rdc, Nappi (Lega): per i buonisti del reddito ecco la storia di due badanti napoletane, pagate 400 euro per 30 notti di lavoro

Condividi

“Ai buonisti del reddito di cittadinanza, raccontiamo la storia di due donne napoletane, Lina e Tiziana, che da tempo cercano vanamente di accedere a misure di sostegno, sia da parte del Comune che dello Stato, e a tutt’oggi si vedono costrette a lavorare per 30 notti al mese, pagate una miseria: 400 euro. Nel frattempo, per come è concepito, il reddito si elargisce facilmente ai camorristi, mentre diventa quasi irraggiungibile per le persone oneste e che hanno veramente bisogno di aiuto. Come ha sottolineato il leader della Lega, Matteo Salvini, bisogna immediatamente porre rimedio a un errore del primo Governo Conte, e cancellare una misura che, tra l’altro, sta distruggendo il mondo del lavoro. Al sussidio assistenzialistico che continua a essere difeso dalle sinistre per ovvi motivi elettorali, noi contrapponiamo la Carta Sociale, servizio di sostegno reale per tutti i cittadini napoletani onesti in difficoltà”. Lo dichiara Severino Nappi, consigliere regionale della Lega e coordinatore della lista Prima Napoli che appoggia la candidatura a sindaco di Catello Maresca.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]