Rave Viterbo – Video: «L’area è stata sgomberata»

Condividi

Intervento delle forze dell’ordine nell’area del rave di Mezzano, nel Viterbese.

 

L’intera zona è stata liberata con un’operazione iniziata poco dopo le 6 di questa mattina. Sul posto ci sono  Guardia di Finanza e Carabinieri. Nel corso della notte alcuni camper e automobili hanno lasciato il luogo della festa dopo essere stati identificati ai posti di blocco.

Il rave party, che ha toccato il picco delle 10mila presenze a Ferragosto, era proseguito anche dopo la morte di un venticinquenne cittadino inglese residente a Reggio Emilia. Sul decesso la Procura di Viterbo ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di morte come conseguenza di altro reato.

Il rave era stato convocato via Telegram con scadenza inizialmente  prevista il 23 agosto. Ma ieri pomeriggio gli organizzatori hanno dichiarato la resa con un volantino digitale intitolato “Game Over: the teknival is ending”. Poche righe di commiato: “Ciao a tutti, viste le orribili vicende accadute allo Space Travel, gli organizzatori hanno deciso di staccare e smontare”

Nei giorni scorsi si era anche diffusa la notizia della scomparsa di un altro ragazzo, un’indiscrezione riportata sui social ma senza conferma da parte delle forze dell’ordine.

Il Corriere della Sera oggi spiega perché la polizia non sia intervenuta prima per evacuare il rave: la linea scelta è stata quella soft, con i controlli nei confronti di chi lasciava la festa. Anche il comitato per l’ordine e la sicurezza aveva  scartato l’opzione dello sgombero. 

Ma sulla vicenda il dibattito continua ad infiammarsi. Anche l’assessore alla Sanità del Lazio, D’Amato, era intervenuto al riguardo definendo la situazione fuori controllo e senza alcun margine di trattativa.

Il timore è anche per gli eventuali contagi causati dagli assembramenti in un’area di 30 ettari sulla quale si sono riversate migliaia di persone.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]