“Quartieri spagnoli” debutta al Teatro della Pace di Caserta

Condividi

“Quartieri spagnoli” a Caserta. Doppio appuntamento per i “30 Allora” al Teatro della Pace della parrocchia del Santissimo Nome di Maria di Puccianiello, a Caserta. La compagnia dello Spazio Méliès di Recale debutterà il 17 ottobre, alle 21, e replicherà il 18 ottobre, alle 19. Di Gianfranco Gallo, “Quartieri spagnoli” è uno spettacolo in due atti, che l’autore ha dedicato a Gianluca Cimminiello, vittima innocente di camorra. È un giro nel cuore di una città che fa dell’inspiegabile il senso della sua esistenza, dove il sole e il mare si abbracciano, dove o è tutto bianco o è tutto nero. Un cartone animato sulla camorra ambientato in quei vicoli dove i ritmi e le dinamiche quotidiani sono scanditi dal rumore delle pistolettate e dall’odore della polvere da sparo, dove l’arroganza e la sopraffazione sono il pane messo a tavola tutti i santi giorni, dove “fare la guerra” e “mettere paura” diventa un onore, perché solo così si può sancire chi è il più forte. Ma chi la fermerà questa guerra? Le donne, “‘e femmine”, il sesso debole che, come la Lisistrata di Aristofane, decidono di scioperare: «Tutta Napoli deve sapere che gli uomini dei quartieri non fanno più all’ammore». E l’onore? Diretti da Vincenzo Russo e Chiara Santoro, in scena i registi stessi con Carla Lettiero, Francesco Pisano, Michela Perrotta, Vincenzo Masiello, Mena De Filippo, Giuseppe Petriccione, Fabrizio Cinque e Raffaele Cepparulo. La consulenza musicale è di Marco Mantovanelli; le coreografie di Roberta De Maio e Vincenzo Di Battiti; le scenografie di Vincenzo Russo e Giuseppe Petriccione; i costumi di Anna Zarbo. Ballerine ospiti, Camilla Aulicino e Alessandra Bagnale. Info e prenotazioni: 3450591987 / 3665264130. Lo spettacolo si svolgerà nel rigoroso rispetto delle norme anti-Covid. 

NARDONE
loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]