Putin sferza russi con un discorso agghiacciante: “Il popolo russo si distingue dalla feccia e traditori”

Condividi

Il presidente russo Vladimir Putin ha sferzato i russi in un discorso agghiacciante tra le crescenti speculazioni che la sua invasione dell’Ucraina non ha intenzione di mollare.

Putin ha usato il discorso per lanciare un duro avvertimento ai “traditori” russi, che secondo lui l’Occidente voleva usare per distruggere il paese “feccia e traditori”.

“Naturalmente loro (l’Occidente) proveranno a scommettere sulla cosiddetta quinta colonna, sui traditori, su quelli che guadagnano qui, ma vivono laggiù. Vivi, non nel senso geografico, ma nel senso dei loro pensieri, del loro pensiero servile”, ha detto ai ministri del governo mercoledì (ora locale), a tre settimane dall’inizio della guerra della Russia con l’Ucraina.

“Qualsiasi popolo, e in particolare il popolo russo, sarà sempre in grado di distinguere i veri patrioti dalla feccia e dai traditori, e non vede l’ora di sputarli fuori come un moscerino che gli è volato accidentalmente in bocca”.

La guerra si è stabilizzata in uno schema stridente di assedi alle città, con funzionari ucraini che hanno riferito di attacchi russi a scuole, ospedali e strutture culturali. Giovedì (ora locale) sarebbero riprese le ricerche dei sopravvissuti che si erano rifugiati in un teatro di prosa nella città assediata di Mariupol.

L’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra ha dichiarato di aver registrato finora 2032 vittime civili in Ucraina: 780 morti e 1252 feriti. Circa 3,2 milioni di civili sono fuggiti nei paesi vicini.

Con l’ulteriore aumento delle sanzioni contro la Russia, Putin ha affermato che l’Occidente sta cercando di dividere la sua nazione e provocare uno scontro civile.

“C’è un obiettivo: la distruzione della Russia”, ha detto.

“Sono convinto che questa naturale e necessaria autopulizia della società non farà che rafforzare il nostro Paese, la nostra solidarietà, coesione e disponibilità ad affrontare qualsiasi sfida”.

Il politico dell’opposizione russa Mikhail Kasyanov, che è stato il primo primo ministro di Putin all’inizio degli anni 2000, ha condannato le osservazioni di Putin: “Putin sta intensificando le sue azioni per distruggere la Russia e essenzialmente annuncia l’inizio di repressioni di massa contro coloro che non sono d’accordo con il regime. Questo è già successo nella nostra storia, e non solo nella nostra”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]