Provolone del Monaco Dop, ritornano il Gala’ e le premiazioni di fine anno

Condividi

Dopo la pausa forzata ritorna l’atteso appuntamento di fine anno con il Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop. Sabato 27 novembre a Vico Equense alle ore 18 nell’incantevole scenario dell’Hotel Moon Valley Seiano è fissato l’appuntamento per fare il punto sul momento attraversato dagli associati al Consorzio di Tutela del formaggio stagionato più rappresentativo della regione Campania.

NARDONE

A fare gli onori di casa il presidente del Consorzio di Tutela Giosuè De Simone che intratterrà i presenti relazionando sugli ultimi traguardi centrati da un prodotto sempre più ricercato dai consumatori che lo inseriscono nel carrello della spesa e attenzionato da chef e pizzaioli di tutto il mondo che lo trasformano per utilizzarlo nelle loro ricette.
Alla presenza del sindaco di Vico Equense Giuseppe Aiello si analizzeranno le ripercussioni della pandemia sull’attività dei caseifici e degli allevatori. Prenderanno la parola il direttore del Consorzio Vincenzo Peretti (professore Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali della Federico II) e il direttore Generale Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Luigi Polizzi moderati dal giornalista Roberto Esse.
Altrettanto attesa la seconda parte della serata. Ritorna infatti anche il Trofeo “Fernando De Gennaro” che premia il miglior prodotto con la stagionatura oltre i dodici mesi. Previsti anche riconoscimenti per categorie di stagionatura inferiori: fino a sei mesi e dagli otto ai dodici mesi. Il concorso e le relative valutazioni sono interamente affidate ai maestri assaggiatori dell’Onaf coordinati da Maria Sarnataro.

Premiati anche gli allevatori con il premio intitolato alla memoria di “Andrea Buonocore”. Non mancherà la degustazione di ricette realizzate con il Provolone del Monaco Dop a cura degli studenti della scuola alberghiera Francesco de Gennaro di Vico Equense.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]