Protesta a Roma vestito da pagliaccio per essere ascoltato

Condividi

“Mi sono vestito così perché ero sicuro di essere ascoltato”. Lo ha detto Ermes Ferrari, 51enne di Scandiano (Reggio Emilia) che fa il ristoratore a Modena. L’uomo per partecipare alla protesta di Roma, con alcuni disordini davanti a Montecitorio, ha indossato cappello di pelliccia con le corna da vichingo e si è pitturato la faccia con i colori nazionali, imitando Jack Angeli, lo sciamano di Capitol Hill.

NARDONE

Come riportato dalle agenzie l’uomo, che ha una figlia di 20 anni, ha detto essere “aperto da gennaio, perché da un anno non è cambiato nulla, nonostante tutte le chiusure”. Poi, parlando a nome della sua categoria, ha aggiunto: “Siamo esasperati. Nessuno ci ha mai ascoltato. Mi sono dovuto vestire da pagliaccio per attirare l’attenzione. Spero che ora qualcuno si accorga di noi e ci ascolti – ha chiosato – Ho dovuto pagare gli strozzini per pagare i dipendenti”.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]