Pronti per Fabula 10 +1 A Bellizzi i Villa Perbene, Aka7even, Sergio Rubini, Christian De Sica e Lello Arena

Condividi

SI PARTE MERCOLEDÌ 1 SETTEMBRE DALLE 17.30 DUE LE LOCATION: ARENA TROISI E BELLIZI SUMMER ARENA I MEDICI DEL COTUGNO AL CENTRO DELLA PRIMA GIORNATA
Incontri e momenti di riflessione anche con il Prefetto di Salerno, Giulia Muscariello insignita della medaglia al valor civile, giornalisti e scrittori, registi, campioni sportivi Obbligatoria la prenotazione per partecipare agli spettacoli: l’ingresso è consentito solo con Green Pass

Bellizzi (Salerno), 30 agosto 2021 Scrivere emozioni su carta, intrecciare esperienze e ricordi, imparare, sognare. Far tardi a guardare le stelle perché #ilcieloèuno e sognare fino a veder materializzarsi in carne e ossa i propri beniamini. Tutto questo è il Premio Fabula, il Festival della scrittura dei ragazzi dai 9 ai 20 anni ideato undici anni fa da Andrea Volpe in programma a Bellizzi (Salerno) dall’1 al 6 settembre. Il programma è pronto, si parte.
Si comincia mercoledì 1: sarà una giornata speciale all’insegna degli abbracci sospesi, dell’amicizia ritrovata e dei ricordi. Un mix and match tra passato e futuro, l’occasione per spalancare la porta 1 del Festival senza dimenticare gli effetti del Covid-19. Al centro i medici del Cotugno, impegnati ormai da due anni nella lotta contro il virus che ha messo in ginocchio tutto il mondo.
Il giorno successivo arriva l’attore Pio Stellaccio e i Villa PerBene, Aka 7even posticipa il suo meet and greet al 3 settembre (e non più all’1 come precedentemente annunciato), Sergio Rubini conferma la sua presenza il 4, Christian De Sica sarà l’attesissimo grande protagonista della penultima giornata, Lello Arena chiude l’undicesima edizione, ribattezzata simbolicamente 10 più 1, nel segno della rinascita, laddove quell’uno diventa il mezzo più potente per disegnare il futuro.
Come sempre, non mancheranno momenti di riflessione e dibattiti con personaggi meno avvezzi al mondo dello spettacolo ma ugualmente significativi per i giovani che li ascolteranno. I creativi incontreranno il Direttore Generale dell’Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione Pascale Attilio Bianchi, Giulia Muscariello, la diciottenne insignita della medaglia al valor civile che perse una gamba per evitare che la sua migliore amica venisse investita, il primo arbitro donna serie B Maria Marotta, il Prefetto di Salerno Francesco Russo, i giornalisti e scrittori Marco Onnembo, Enzo Ragone, Rosario Copioso e Gabriele Bojano, i volontari della Protezione Civile, Emiliano De Martino e Patrizio Oliva, rispettivamente regista e interprete di “Antonio”, il cortometraggio che racconta la vita e le rivalse umane e professionali dell’onorevole Antonio Guidi.
L’area incontri sarà affidata a Concita De Luca. Ogni giorno, l’appuntamento è dalle 17.30 in Arena Troisi
CHRISTIAN DE SICA E I VILLA PERBENE All’appello mancava ancora qualche big, ora il programma è completo. Il 2 settembre sarà la giornata delle risate con i Villa PerBene: il collettivo comico salernitano composto da Chicco Paglionico, Francesco D’Antonio ed Andrea Monetti è pronto a regalare sorrisi e spensieratezza. Il 5 settembre invece il protagonista sarà Christian De Sica, attesissimo al Fabula da anni. Abituato a mettersi a nudo e pescare tra i suoi ricordi, come ha fatto quest’estate in tournée con lo spettacolo “Una serata tra amici” l’attore si racconterà alla folla dei giovani creativi.
INFO UTILI Per partecipare agli spettacoli serali (alle 20.30) del Premio Fabula in programma all’interno della Bellizzi Summer Arena (lo spazio che il Comune di Bellizzi ha messo a disposizione per tutti gli eventi estivi all’interno dello Stadio Primavera al civico 7 di Viale della Repubblica) è obbligatoria la prenotazione. È attivo il nuovo canale di prenotazione WhatsApp al numero 3663172935. Si ricorda che l’ingresso è consentito solo se in possesso di Green Pass o tampone negativo.

NARDONE

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]