Prima edizione del premio “Eccellenze dei territori” a cura del circolo culturale “Nelson Mandela”

Condividi

Napoli ha sempre vantato e continua a vantare personalità di assoluto rilievo in tutti i campi professionali. Per questa ragione il circolo culturale “Nelson Mandela”, presieduto da Mario D’Esposito, ha lanciato la prima edizione del premio “Eccellenze dei territori” dedicato ai cittadini che si siano distinti in diversi ambiti professionali. L’iniziativa è promossa dalle associazioni “Savio Condemi”; “La Fenicia” e “Neapolis Donne”, che da anni si prodigano in attività di volontariato. La cerimonia di premiazione è prevista per giovedì 24 giugno alle 17,30 a Palazzo Caracciolo, in Via Carbonara.
Tra i premiati, in ambito scientifico, Pietro Maida, primario di Chirurgia generale all’Ospedale del Mare; Claudio Bellevicine, professore associato al dipartimento di Anatomia Patologica all’Università Federico II; Virginia Brancato, ricercatrice biotecnologa. I tre riceveranno il premio dalle mani di Maurizio Bifulco, professore ordinario di Patologia generale e Storia della medicina all’Università Federico II. In ambito letterario sarà premiato lo scrittore Nicola Paone, mentre in ambito artistico il riconoscimento andrà ad Agostino Noviello, maestro del Conservatorio San Pietro a Majella. In ambito sociale il premio andrà alla Comunità di Sant’Egidio, zona Vasto. Premierà Assunta Tartaglione, consigliere del presidente della Giunta regionale De Luca delegata ai rapporti con le associazioni.
«I vincitori sono stati indicati non solo per le loro attività professionali, artistiche e culturali, ma anche per la loro sensibilità sociale – spiegano le presidenti delle associazioni Raffaella Guarracino, Anna Zimmermann e Carla Calce – questo premio vuole essere un ringraziamento per lo sforzo quotidiano che ognuno di essi compie per migliorare le condizioni di vita della nostra città».

NARDONE

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]