Prestigioso riconoscimento per le Scuole del “Villaggio dei Ragazzi”

Condividi
Pubblicati anche quest’anno i dati elaborati dalla Fondazione Agnelli: Le Scuole Superiori di II grado della Fondazione Villaggio dei Ragazzi “don Salvatore d’Angelo” (Istituti Tecnici, Istituto Alberghiero e Liceo Linguistico) tra le migliori scuole di settore nella c.d. classifica Eduscopio. L’obiettivo del progetto – attivo dal 2014 – è supportare i ragazzi e le loro famiglie nell’orientamento alla scelta dell’indirizzo di studio una volta chiuso il ciclo secondario di primo grado (ovvero le medie) indicando quali istituti, nell’area di residenza, preparano meglio agli studi universitari e consentono un accesso più diretto al lavoro post diploma. “Eduscopio”, divenuto rapidamente un un riferimento per tutto il mondo della scuola, ha analizzato, per l’occasione, i dati dei circa 1.275.000 diplomati italiani nei circa 7.400 indirizzi di studio delle scuole secondarie di II grado del nostro Paese, statali e paritarie. I valori misurati dal rapporto hanno riguardato importanti parametri, quali: L’indice  di occupazione dei diplomati che manifestano un interesse esclusivo per il lavoro e la capacità formativa della scuola in termini di inserimento lavorativo. “Essere nell’Olimpo delle migliori scuole dell’ambito provinciale conferma l’ottima qualità della nostra offerta formativa in previsione di un percorso di studi di livello universitario e non solo. Siamo fieri di questo riconoscimento, ancor più soddisfacente vista la difficoltà dei tempi che stiamo vivendo. La nostra formazione innovativa e di qualità consente da sempre ai nostri allievi di sviluppare competenze di livello elevato fortemente ricercate dal mercato del lavoro, oltre che di indirizzarsi senza difficoltà verso variegati percorsi di studio e di vita” – ha commentato il dott. Felicio De Luca, Commissario Straordinario dell’Ente maddalonese”.
loading...

NARDONE
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]