Prestazioni sanitarie mai effettuate: 5 arresti tra Napoli e Caserta

Condividi

Coinvolto anche un medico di base

NARDONE

Napoli, 13 giu. – Associazione per delinquere finalizzata alla truffa al Servizio Sanitario Nazionale, riciclaggio e falsità materiale commessa da pubblico ufficiale. Sono i reati di cui dovranno rispondere, a vario titolo, 5 amministratori di 7 centri di diagnostica convenzionati (con sede nelle province di Napoli e Caserta), un impiegato amministrativo dell’Asl e un medico di base nei cui confronti i carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari. Grazie alle indagini svolte dai militari della stazione Carabinieri di Posillipo, coordinate dalla Procura partenopea, sono stati ricostruiti tutti i passaggi di una truffa al Servizio Sanitario Nazionale finalizzata a ottenere rimborsi per costosissime prestazioni sanitarie (TAC o Risonanze Magnetiche) che gli indagati avevano fatto risultare effettuate in favore di pazienti del tutto ignari.

 

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]