Presentazione Sanremo 2020. Amadeus accusato di sessismo

Condividi

Non solo il “Grande Fratello Vip”. Anche il “Festival di Sanremo” (che a differenza del reality di Canale 5 non è neppure iniziato) ha la sua polemica sessista. Tutto parte da alcune dichiarazioni rilasciate da Amadeus durante la conferenza stampa di presentazione dell’edizione n. 70 da lui condotta. Scortato da cinque delle 10 primedonne che saliranno sul palco dell’Ariston in occasione delle cinque serate, il presentatore si è soffermato su una di queste, Francesca Sofia Novello (la modella fidanzata con Valentino Rossi, ndr.), sottolineando più volte la sua bellezza. Amadeus ha poi pronunciato le parole incriminate: “È stata scelta da me perché ha la capacità di stare vicino a un grande uomo stando comunque un passo indietro”.

NARDONE

Su Twitter molti internauti lo hanno accusato di sessismo: “Ci meritiamo Amadeus noi donne? Che non esistiamo con il nostro Nome e Cognome, ma brilliamo di luce riflessa in quanto: fidanzate di, mogli di, compagne di…E apprezzate perché buone buone stiamo un passo indietro rispetto al Maschio per non eclissarlo: ovvio”, “Io se dovessi stare un passo indietro a un uomo solo per rispettare la fila al McDonald’s”, “Grazie #AMADEUS per averci insegnato che se siamo belle e sappiamo stare vicino al nostro uomo (ma sempre un passo indietro eh), ci inviterai a Sanremo, anche se non ci conosci”, “Apprezzare una donna in quanto fidanzata di qualcuno e perché sa stare un passo dietro a qualcuno. Il maschilismo spiegato bene”, “Uno dei punti è: #Amadeus di ogni donna presentata la prima cosa che dice è ‘molto bella’. Se non vedete un problema in questa cosa io non so cosa fare. Di un uomo l’aggettivo principale non è mai MAI MAI riferito all’aspetto fisico”, “Quindi la Ferragni non andava bene, perché non sa stare dietro il suo uomo”, “Cari #Amadeus e #Rai, Io, da donna, NON STO DIETRO A NESSUNO! Neanche un passo, o un passettino, dietro ad un uomo. Sto solo un passo indietro alla me di domani. Al massimo”, “Fate vomitare. Siamo costretti (e soprattutto costrette) a pagare un servizio pubblico vergognoso, avvilente, retrogrado, pericoloso come chi lo rappresenta”, “È inutile che inviti #RulaJebreal a #Sanremo2020 a parlare di diritti delle donne se poi scegli una donna perché “sa stare un passo indietro a un grande uomo.” Lo ha detto davvero. Nel 2020. Sul Servizio Pubblico. L’unico che deve fare un passo indietro qui è #Amadeus”, “Sono stanca di dire sempre le stesse cose nel 2020 dico solo: FACCIAMO CONDURRE SANREMO A DELLE DONNE. SEMPRE E PER SEMPRE. Amadeus mi piace ma questa sua uscita mi ha lasciata perplessa”, “Comunque pure #Amadeus sa stare un passo indietro come #FrancescaNovello. Infatti è rimasto agli anni ’50”.

Tra i tweet da segnalare anche quello di Monica Cirinnà che scrive: “Da #Amadeus inaccettabile sessismo. La RAI tuteli la pari dignità delle professioniste che ha ingaggiato. Salini, che non governa la RAI, dimostri di saper governare almeno un conduttore e prenda le distanze”.

La risposta del conduttore e direttore artistico del 70esimo Festival della Canzone Italiana è arrivata dall’Ansa. “Mi dispiace che sia stata interpretata malevolmente la mia frase, sono stato frainteso – ha dichiarato – Quel ‘passo indietro’ si riferiva alla scelta di Francesca di stare fuori da riflettori che inevitabilmente sono puntati su un campione come Valentino. Un’altra ragazza avrebbe forse potuto ‘cavalcare’ tanta popolarità e invece Francesca ha scelto di essere più discreta, di rimanere più defilata. Tra l’altro Francesca stessa mi ha ringraziato, dicendomi che è proprio così: ‘Ama, sembra che tu mi conosca da anni’. Anche lei è rimasta stupita della polemica. Avrei detto lo stesso anche del compagno di una donna famosa (…) Sanremo è anche questo, ho imparato che bisogna stare attenti a ogni parola”.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]