Portici: “Alto Impatto” della Polizia di Stato

Condividi

Ieri pomeriggio, gli agenti del Commissariato di Portici-Ercolano, con il supporto degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania e  dell’Unita Cinofila Antidroga dell’Ufficio Prevenzione Generale, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio tra Portici ed Ercolano.
Nel corso dell’attività i poliziotti hanno identificato 70 persone e controllato 15 autoveicoli e 8 motoveicoli.
Sono state effettuate 4 perquisizioni domiciliari che hanno portato all’arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti  di S.P., 46enne di Torre del Greco con precedenti di polizia, presso la cui abitazione sono stati sequestrati più di 160 grammi di marijuana nascosta all’interno del bagno.
Inoltre, sempre durante una perquisizione, ad un 38enne con precedenti di polizia è stato contestato amministrativamente la  detenzione di sostanza stupefacente per uso personale, poiché in possesso di 7 grammi di hashish.

NARDONE

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]