Politiche 2022, la scuola al centro del programma elettorale del Pd

Condividi

Sgambato: da Letta la conferma della mission del Partito Democratico per ridare agli insegnanti la dignità e il ruolo che meritano, riportando gli stipendi in linea con la media europea.

“Sono fiera e orgogliosa che il Pd riservi la parte forse più significativa del programma elettorale alla scuola.

Le parole di Enrico Letta, “l’ambiente, i diritti, il lavoro sono le nostre priorità, ma la scuola sta sopra, o meglio, sta dentro tutto”, non sono uno spot elettorale, ma la prosecuzione di una visione sempre presente nella mission del partito.

“Rimettere al centro la scuola -si legge nel programma- significa ridare agli insegnanti la dignità e il ruolo che meritano, riportando -nei prossimi cinque anni- gli stipendi in linea con la media europea. Del resto, Letta già da presidente del consiglio aveva preso l’impegno che non avrebbe tagliato di un euro la spesa in istruzione e così fece”.

Lo dichiara Camilla Sgambato, componente della direzione nazionale del Pd e già responsabile nazionale Scuola del partito.

“Il programma prevede anche e soprattutto la scuola dell’infanzia gratuita e obbligatoria, la gratuità dei bus e dei libri di testo, un piano di edilizia scolastica per edifici sicuri e innovativi, orientamento per avvicinare le ragazze alle materie STEM, l’accesso universale e gratuito dei bambini alle mense scolastiche, l’aumento dei docenti di ruolo di sostegno per i bambini e ragazzi con disabilità. Ripeto, nessuna propaganda.

E posso dirlo, da docente prima di tutto, ma anche da ex responsabile scuola con Nicola Zingaretti che mi chiamò in segreteria proprio per ricucire, con questi temi, con il mondo della scuola, dopo le critiche alla Buona Scuola che Letta condivide “una legge che, pur prevedendo ingenti risorse per migliorare l’istruzione, ha avuto il difetto di essere “una riforma sciatta e non condivisa con la comunità scolastica”.

Ringrazio per questo, oltre che il segretario Letta, Ghizzoni e Manzi che, da attuali responsabili scuola e istruzione, hanno guidato un dipartimento nel segno dell’ascolto e della collaborazione con tutte le migliori energie del mondo della scuola”, conclude Sgambato (Pd).

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]