Piano di controllo aereo coordinato nella Terra dei fuochi

Condividi

Accordo con le prefetture di Napoli e Caserta per ottimizzare l’utilizzo dei droni

Tempi più rapidi di intervento grazie a un piano di controllo aereo coordinato con i droni e l’acquisizione degli elementi necessari a orientare e ottimizzare i controlli ambientali sul territorio.

È subito operativo l’accordo sottoscritto ieri dai prefetti di Napoli e di Caserta, Claudio Palomba e Giuseppe Castaldo, dal comandante regionale della Guardia di Finanza, dal comandante generale delle Forze operative Sud dell’Esercito italiano e dall’Incaricato per il contrasto dei roghi di rifiuti nella regione Campania.

Scopo del protocollo è di migliorare e facilitare i tempi di intervento sui roghi, gli accertamenti delle responsabilità e una più completa conoscenza del territorio.

In particolare, le informazioni acquisite dal comando regionale Campania della Guardia di Finanza con i mezzi aerei dotati di tecnologie iperspettrali e per il telerilevamento ad alta definizione saranno messe immediatamente a disposizione per individuare gli obiettivi sensibili sui quali intervenire. Inoltre, tramite la sezione aerea del Reparto operativo aeronavale di Napoli sarà assicurato lo svolgimento delle attività di monitoraggio aereo in raccordo con gli attori istituzionali coinvolti.

Presenti alla sottoscrizione del protocollo anche l’assessore regionale al Governo del Territorio, il sindaco di Aversa, i vertici locali delle Forze di polizia di Napoli e di Caserta, il comandante raggruppamento Campania dell’Esercito italiano, i comandanti regionale e provinciale di Napoli e di Caserta  dei Vigili del fuoco, il comandante della Polizia metropolitana di Napoli e il rappresentante della Polizia provinciale di Caserta.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]