Parco Vesuvio e randagismo: gli ambientalisti presentano le proprie proposte

Condividi

Volontari ambientalisti e animalisti in pineta a Terzigno per discutere del randagismo che imperversa nel Parco Nazionale del Vesuvio.

 

NARDONE

Decine di volontari ambientalisti e animalisti hanno preso parte all’iniziativa organizzata dagli attivisti Francesco Servino e Emanuela Basilicata di sensibilizzazione sul tema del randagismo e dell’abbandono degli animali nel Parco Nazionale del Vesuvio.

L’evento si è tenuto nella Pineta di Terzigno: i partecipanti hanno elaborato delle proposte che saranno presentate alle autorità competenti.

“Per la prima volta agiamo in rete per affrontare un problema serio: l’intenzione è di far capire agli enti che le proposte da noi elaborate consentirebbero notevoli risparmi per le casse comunali e di ridurre la presenza dei cani randagi nelle strade e in area Parco” ha commentato Servino: “Fondamentale, anche ai fini della riqualificazione e della valorizzazione di alcune aree del Parco Nazionale del Vesuvio, è avviare una campagna di sterilizzazione dei cani. In questo modo i Comuni risparmierebbero una grossa cifra per i canili che potrebbero investire nella tutela dell’ambiente e in opere di sensibilizzazione”.

I volontari si sono subito attivati per costituire una rete e per formalizzare le proprie proposte: in mattinata non hanno trascurato gli animali nella pineta, nutrendoli e soccorrendo un cane in cattive condizioni, segnalandone la presenza ai Carabinieri e avviandolo subito alle cure.

“Sono tante le persone di Terzigno e dei comuni limitrofi che hanno a cuore le sorti degli animali: l’appello di noi volontari è a non disperdere le energie e a contattarci per dare maggiore peso alle nostre proposte” ha concluso Servino.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]