Palma Campania : il 10 settembre L’associazione culturale Alma Talia presenta “INVISIBILE” di Stefano Colucci

Condividi

Il  10 Settembre ore 20:30 al Teatro Comunale di Palma Campania in  via Municipio, l’ associazione Alma Talia presenta INVISIBILE .

Ogni giorno, ad onor di cronaca passano notizie scioccanti di adolescenti che scelgono di togliersi la vita a causa di un fenomeno che sembra espandersi a macchia d’olio : il bullismo ed il cyberbullismo.

Le vittime troppo spesso si rinchiudono in se, desiderosi di diventare invisibili per non essere oggetto di derisione, persecuzione, ragazzini che non reggono la pressione della vergogna mediatica, dei risolini nei corridoi di scuola … giovani vite che scelgono di non parlare ai  genitori, spesso ignari di tali disagi interiori.

In queste ore a Gragnano si da un ultimo saluto al 13enne Ale, avrebbe dovuto frequentare tra qualche giorno l’ultimo anno delle medie, invece no..quello che sembrava un incidente molto probabilmente non lo è: Alessandro era vittima di bullismo.

Invisibile è una delle tante storie di disagio, di bullismo,  che vede intrecciarsi le vite di Elena ,Denise e Susanna.

La storia di un amore scoperto,una vita stroncata, un esistenza vuota e un insegnante che riesce ad entrare in empatia con quell’ anima fragile .

Magistralmente interpretato delle attrici  Shara Guandalini e Veronica Varani con la regia di Luca Avallone e scritto da Stefano Colucci, al teatro comunale di Palma Campania una serata dal forte impatto emotivo, più che mai attuale .

Invisibile è una preghiera sentimentale, è un testo che punta alla coscienza emotiva del pubblico. Da un lato, scava nell’intimità e negli impulsi dell’adolescenza; dall’altro, analizza una situazione considerata normale all’interno delle mura scolastiche, ma che non lo è e non deve esserlo: quella del bullismo. Ciò che più mi premeva mettere in evidenza con questo testo è il ruolo dell’insegnante, che può essere decisivo in situazione analoghe a quella raccontata. È un invito al dialogo e all’ascolto per entrambe le parti: professori e studenti. Ai professori dico di essere sempre in ascolto, di osservare e di saper consigliare con la saggezza della loro maggiore esperienza nella partita della vita; agli studenti, invece, dico di non alzare muri perché non serve a niente isolarsi; serve curiosità, serve ribellarsi come atto di ritorno al bello . Serve umanità, serve  dialogo.” 

Un evento promosso dall’ Assessorato alla Cultura retto da Elvira Franzese ed il Sindaco Nello Donnarumma.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]