Oscars 2022, tutte le emozioni degli Academy Awards: vince il film ‘Coda’

Condividi

Los Angeles 28 mar. – Si è conclusa la maratona di consegna dell’ambito premio dedicato al cinema internazionale, ritornata in presenza dal Dolby Theatre, con sole presentatrici donne: le attrici Regina Hall, Wanda Sykes e Amy Schumer.

Prima della diretta l’Academy consegna otto delle 23 statuette previste; tre spettano ai corti e cinque sono essenzialmente tecniche (montaggio, colonna sonora, sonoro, e scenografia conquistate da Dune di Denis Villenueve che vince anche per la fotografia e effetti speciali, e trucco e acconciatura che va a Gli occhi di Tammy Faye).

Non manca la solidarietà all’Ucraina in piena manifestazione. La cerimonia si ferma per un minuto di silenzio. Sul palco sale l’attrice di origine ucraine Mila Kunis. Le sue parole risuonano in teatro: «Nella ultime settimane, il mondo è rimasto scioccato da un’invasione non provocata e da un atto di aggressione». Il messaggio è supportato dagli attori che fin dal red carpet recano un nastro blu come segno di vicinanza ai rifugiati.

La festa delle premiazioni riprende. A guadagnare ben tre statuette degli Oscars 2022 con tre candidature, é però il film ‘Coda’ ovvero ‘I segni del cuore’. Riceve infatti il premio come miglior film, miglior sceneggiatura originale, miglior attore non protagonista. La 94 esima degli Academy Awards, dá risalto ad una pellicola arrivata come outsider, sulla storia di una famiglia di pescatori sordomuti del Massachusetts.
Troy Kotsur è invece il primo attore sordomuto a vincere un Oscar e viene accolto dagli applausi realizzati con la lingua dei segni ed una standing ovation collettiva.

Tra le donne vince Jessica Chastain per ‘Gli occhi di Tammy Faye’. Guadagna la sua prima statuetta alla terza nomination. Attrice non protagonista, come previsto è Ariana DeBose per West Side Story di Steven Spielberg, nel ruolo di Anita.

Kenneth Branagh vince il suo primo Oscar per la sceneggiatura di Belfast. Miglior documentario è Summer of soul.Miglior canzone è No Time to Die, di Billie Eilish e Finneas O’Connell.

L’Italia non porta a casa alcuna statuetta. Sebbene avesse tre candidati in lizza – oltre a Sorrentino per ‘È stata la mano di Dio’, Massimo Cantini Parrini per i costumi di ‘Cyrano’ (vinti da Cruella) ed Enrico Casarosa per l’animazine di ‘Luca’, a cui i giurati hanno preferito ‘Encanto’ –  assiste da spettatrice alla cerimonia di consegna che regala nel complesso i seguenti premi:

  • Miglior film: I Segni del Cuore
  • Miglior regia: Jane Campion (Il Potere del Cane)
  • Miglior attore protagonista: Will Smith (King Richard – Una Famiglia Vincente)
  • Miglior attrice protagonista: Jessica Chastain (Tammy Faye – Gli Occhi di Tammy Faye)
  • Miglior attore non protagonista: Troy Kotsur (Frank Rossi – I Segni del Cuore)
  • Miglior attrice non protagonista: Ariana DeBose (Anita – West Side Story)
  • Miglior sceneggiatura originale: Kenneth Branagh (Belfast)
  • Miglior sceneggiatura non originale: Sian Heder (I Segni del Cuore)
  • Miglior film d’animazione: Encanto
  • Miglior scenografia: Patrice Vermette e Zsuzsanna Sipos (Dune)
  • Migliori costumi: Jenny Beavan (Crudelia)
  • Miglior fotografia: Greig Fraser (Dune)
  • Miglior montaggio: Joe Walker (Dune)
  • Miglior trucco e acconciature: Stephanie Ingram, Linda Dowds e Justin Raleigh (Gli Occhi di Tammy Faye)
  • Miglior sonoro: Mark Ruth, Mark A. Mangini, Theo Green, Dough Hemphill e Ron Bartlett (Dune)
  • Migliori effetti visivi: Paul Lambert, Tristan Myles, Brian Connor e Gerd Nefzer (Dune)
  • Miglior colonna sonora: Hans Zimmer (Dune)
  • Miglior canzone originale: No Time to Die di Billie Eilish e Finneas O’Connel (No Time to Die)
  • Miglior documentario: Summer of Soul
  • Miglior film internazionale: Drive My Car
  • Miglior corto animato: The Windshield Wiper
  • Miglior corto documentario: The Queen of Basketball
  • Miglior corto: The Long Goodbye

 

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.