Orgoglio italiano, Paolo Sorrentino candidato all’Oscar 2022 con ‘È stata la mano di Dio’

Condividi

Napoli, 9 feb. – Gioia per il cinema italiano. Paolo Sorrentino candidato all’Oscar 2022 con il suo film ‘È stata la mano di Dio’. La pellicola rientra tra i migliori film in corsa per l’ambìto premio nella categoria del cinema internazionale.
L’ultimo lavoro del regista che ripercorre la sua giovinezza con commozione in un film scritto e girato con omaggio a Maradona, approda a Los Angeles tra le cinque nomination di categoria.

 “Entrare una volta nella cinquina delle nomination è un caso – dichiara Sorrentino – entrarci due volte è stupendo, certo ci speravo ma non me lo aspettavo. Otto anni fa per La Grande Bellezza ad un certo punto ero diventato il favorito; questo mi metteva soggezione, mi piace molto di più oggi, partire dalla panchina”. 

Il Paolo Sorrentino che trapela dal suo ultimo film è pacificato rispetto al nervosismo degli anni della sua giovinezza; appassionato nel racconto delle sequenze del girato, legato nel bene e nel male al fato e ai colpi che esso gioca nella vita di ciascuno, proprio come una partita di calcio in cui l’uomo deve giocare da attaccante ed andare a segno, vincendo il suo scudetto.

Pronto a festeggiare oggi in famiglia, Sorrentino pregusta il ritorno a Los Angeles, mente Netlfix, su cui il film è stato lanciato, attuerà una strategia di promozione, una marcia di avvicinamento alla notte degli Oscar del 27 marzo.

“Sarà bello andare alla serata – ammette all’Ansa il regista – è una grande festa e al di là del glamour una grande occasione per incontrare persone che fanno il tuo lavoro e vengono da tutto il mondo e ormai queste occasioni sono sempre meno. Per questo si può pensare alla vittoria finale ma è una vittoria già questa”.

Il film che incentra tutto su ironia, libertà, tolleranza, dolore, spensieratezza, volontà, futuro e Napoli, é un omaggio che Sorrentino ha rivolto  anche a sua madre. ‘È stata la mano di Dio’ ha guidato la vita artistica di Paolo e si spera lo porti al traguardo oltreoceano, in nome del valore del cinema italiano.

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.