Onorificenze al Merito della Repubblica “esempi civili” a due napoletani

Condividi

Un progetto per i minorenni in carcere di Giuseppe La Valle

I giovani e il tema della sicurezza stradale di Angela Buanne

 

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito, motu proprio, trentatré onorificenze al Merito della Repubblica Italiana a cittadine e cittadini che si sono distinti per atti di eroismo, per l’impegno nella solidarietà, nel volontariato, per l’attività in favore dell’inclusione sociale, nella cooperazione internazionale, nella promozione della cultura, della legalità, del diritto alla salute e dei diritti dell’infanzia.

Il Presidente Mattarella ha individuato, tra i tanti esempi presenti nella società civile e nelle istituzioni, alcuni casi significativi di impegno civile, di dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani.

Un progetto per i minorenni in carcere

Giuseppe Lavalle, 78 anni, per tutti “Zio Peppe”, è un punto di riferimento, rispettato e amato dai ragazzi di Nisida, in provincia di Napoli: da circa 40 anni svolge il suo servizio di cuoco per il locale Istituto Penale per Minorenni. In numerose occasioni, insieme alla moglie, ha offerto ospitalità accogliendo nella sua famiglia giovani italiani o stranieri che avessero bisogno di una particolare attenzione. Negli ultimi anni è stato anche il promotore di una iniziativa di solidarietà a favore dei senza fissa dimora assistiti dalla Comunità Sant’Egidio: insieme ad alcuni ragazzi del paese, autorizzati dalla magistratura, con l’aiuto della moglie e della figlia prepara e distribuisce centinaia di pasti. E’ stato nominato Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana“Per la sua preziosa e generosa opera di assistenza e supporto ai ragazzi dell’Istituto Penale per Minorenni di Nisida. “

I giovani e il tema della sicurezza stradale

Angela Buanne, 54 anni (Napoli),  è la madre di Livia Barbato, deceduta poco più che ventenne nel luglio 2015 per le ferite riportate in un incidente stradale causato dal fidanzato, che, in stato di ebrezza, guidò contromano per diversi chilometri. Nello stesso incidente perse la vita il conducente dell’auto proveniente dal verso giusto di marcia. E’ stata nominata Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana “per il suo contributo alla causa della sensibilizzazione presso i giovani sul tema della sicurezza stradale e del contrasto all’alcolismo e alle stragi del sabato sera”. La vicenda della figlia è stata raccontata nel libro “Viaggio al centro della notte” dal giornalista Luca Maurelli. Grazie al sostegno della Fondazione Ania (Associazione nazionale imprese assicuratrici) e della fondazione Exodus di Don Antonio Mazzi, Angela e Luca incontrano negli studenti per sensibilizzarli sul tema della sicurezza stradale.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]