Ong Mediterranea finalmente verso Malta. Di Maio: “Grande show di speculazione politica, mi sono stancato”

Condividi

 “A seguito di contatti tra i governi maltese e italiano, è stato deciso che Malta trasferirà 55 migranti, che sono stati salvati in mare al largo della Tunisia e che sono a bordo della nave Alex, a bordo di una nave delle forze armate di Malta e saranno accolti a Malta“. Lo ha annunciato il governo maltese in un comunicato relativo alla nave dell’ong italiana Mediterranea.”

È giusto che queste persone vadano a Malta“. Così il vicepremier e ministro per lo Sviluppo economico, Luigi Di Maio, a proposito del caso Mediterranea, a margine del Villagio Coldiretti a Milano.

È un grande show di speculazione politica – ha aggiunto Di Maio – c’è chi se ne avvantaggia dicendo no alle entrate e c’è chi se ne avvantaggia dicendo vogliamo entrare. […] I parlamentari del Pd si stanno già mettendo il costume per salire su quest’altra nave“.

E ancora: “Incoscienti questi delle Ong che utilizzano una barca a vela per andare in Libia, prendere delle persone e venire in Italia“, aggiungendo che “la questione della Mediterranea sia l’ennesima dimostrazione che ormai le Ong hanno trovato il loro palcoscenico“.

Secondo Di Maio le Ong “vanno nelle acque Sar libiche, prendono delle persone che potrebbero essere salvate dalla marina libica, se le mettono in barca, vengono in Italia e iniziano lo show sulla pelle di questi poveri disperati. Però dobbiamo anche dirci che nell’ultimo mese sono sbarcate 300 persone, qui stiamo parlando di 50 persone su una barca“.

Però – ha aggiunto il vicepremier pentastellato – non ci si può occupare dei migranti solo quando fanno notizia, qui ci sono 54 persone su una barca e ne sono sbarcate 300 nell’ultimo mese, quindi per quanto mi riguarda dobbiamo lavorare sempre a difendere i confini e non solo quando ci sono le Ong. Io mi sono un po’ stancato di sentire parlare di Ong e di questioni legate a Ong che vogliono entrare nelle nostre acque quando potrebbero andare a Malta, quando invece in Italia abbiamo ancora un grosso problema di imprese e di lavoro, che stiamo affrontando“.

A bordo della Alex, Alessandra Sciurba, portavoce della ong Mediterranea, smentisce con decisione “e amarezza” le notizie circolate negli ultimi minuti. “Purtroppo non c’è nessuna nave delle forze armate in arrivo da Malta per trasbordare e prendersi in carico le 54 persone che sono a bordo del nostro veliero”. “Il nostro capo missione – prosegue – ha appena parlato con il Centro di coordinamento dei soccorsi di Roma il cui responsabile ha affermato che non c’è alcuna intenzione di organizzare il trasferimento con mezzi militari maltesi o italiani”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]