Nola. Al Liceo ” Carducci” sfida sui libri tra le scuole medie

Condividi

Nola – Per il quinto anno consecutivo il Liceo Carducci organizza  il Torneo  di Lettura, sfida sui libri che vede impegnate le classi interne del ginnasio e le terze medie di otto scuole del territorio. Hanno aderito anche quest’anno le scuole ” Alighieri” e ” Aliperti” di Marigliano, ” Bruno – Fiore” e ” Merliano- Tansillo” di Nola, “Ciccone” di Saviano, ” Costantini” di Casamarciano”, “Mercogliano – Guadagni” di Cimitile, ” Rossini” di Visciano.   In tutto hanno partecipato ben 45 classi che il 10 febbraio hanno svolto una avvincente gara interna sul libro ” Nel mare ci sono i coccodrilli” .  Tra il 14 e il 17 febbraio le otto classi finaliste saranno ospitate presso il Liceo Carducci per le semifinali e per la finalissima tra medie e ginnasio. Un’occasione per incontrarsi attraverso la lettura, con entusiasmo e sano spirito di competizione, che è diventata un appuntamento appassionante per gli studenti e i loro docenti.  

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]