Niguarda Milano – Cardarelli Napoli, incontri bilaterali: modelli ed esperienze a confronto

Condividi

Martedì 27 novembre 2018, ore 11,00 – aula Moriello – padiglione “N” – A.O.R.N. Antonio Cardarelli

 

Eccellenze a confronto sull’asse Milano-Napoli. I camici bianchi dell’Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale Antonio Cardarelli incontreranno domani i colleghi arrivati dal Grande ospedale metropolitano Niguarda di Milano, e condivideranno con loro l’organizzazione e le best practice messe in campo per governare al meglio due tra le più grandi e complesse azienda ospedaliere della sanità italiana. L’incontro è frutto di un protocollo d’intesa firmato nel febbraio di quest’anno dai direttori generali Ciro Verdoliva e Marco Trivelli, desiderosi di realizzare una fattiva condivisione delle conoscenze e dei modelli gestionali acquisiti da ambo le parti in quasi un secolo di storia e di assistenza, spronati dai Governatori De Luca e Fontana. «L’obiettivo di questo protocollo d’intesa – sottolinea Ciro Verdoliva – è quello di creare sinergie e instaurare collaborazioni, trasferire quanto di buono si è realizzato nel tempo e sfruttare le conoscenze altrui per crescere e innovarsi reciprocamente». Per questo i medici di entrambe le aziende ospedaliere sono al lavoro da mesi, tra Napoli e Milano, su aree omogenee, unità operative e confronti puntuali. Così da approfondire quanto di buono c’è nelle due organizzazioni e, allo stesso tempo, importare pratiche consolidate che possano migliorare la qualità dell’assistenza. «Questo confronto – continua Verdoliva – prende spunto dalle molte similitudini, sia strutturali che di attività, che legano le due aziende. E’ l’ennesima dimostrazione pratica di un cambiamento di rotta impresso negli ultimi anni alla gestione della sanità, che oggi ci porta a confrontarci ad altissimo livello con realtà importati come quella del Niguarda di Milano. Il Cardarelli ha infatti tante eccellenze che possono essere prese ad esempio e anche modelli gestionali che possono essere di ispirazione per altre realtà. Sono certo però che dalla collaborazione con il Niguarda – un modello della sanità italiana –-integreremo e miglioreremo il nostro bagaglio così da arricchire la nostra qualità assistenziale a favore del paziente».

Al termine della due giorni di lavoro, l’aula Moriello del Cardarelli accoglierà (martedì alle ore 11,00) la conferenza stampa alla quale prenderanno parte il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontanta.

«Il Niguarda e il Cardarelli sono due grandi ospedali pubblici con quasi un secolo di storia e di assistenza – commenta Marco Trivelli, direttore generale del Niguarda di Milano -. E sono molto simili: entrambi sono sede di tutte le specialità cliniche; entrambi sono ospedali di riferimento metropolitano e regionale per le urgenze e per settori particolari, come il trattamento delle grandi ustioni, la medicina iperbarica e il centro antiveleni; hanno dimensioni simili. Inoltre, sebbene non siano né poli universitari né istituti di ricerca (IRCCS), Niguarda e Cardarelli conducono attività di ricerca clinica e di base in collaborazione con Università e centri di ricerca internazionali e rappresentano un grande polo di attrazione per la formazione post specialistica. Ho riscontrato nei colleghi del Cardarelli una determinazione profonda a migliorare e sono ammirato dei progressi ottenuti: anche questo orientamento ad evolvere per migliorare i livelli di cura accomuna i professionisti delle due strutture. Per l’insieme di queste affinità strutturali e culturali, il confronto organizzativo e clinico si prospetta particolarmente ricco».

Non una competizione, ma un confronto fra strutture che hanno in comune più di quanto si possa credere, perché mettendo a “confronto le eccellenze” e “facendo rete” si può garantire assistenza di qualità;

Di seguito il programma della due giorni:

 

lunedì 26 novembre 2018

 

Uffici Direzione Generale, padiglione N secondo piano

12,30   accoglienza delegazione Niguarda

 

Aula Mediterraneo, padiglione H piano terra

14,00   Collegio di Direzione interaziendale Cardarelli – Niguarda

Introduzione al Collegio di Direzione a cura dei Direttori Generali

  1. Verdoliva – M. Trivelli

Stato del progetto: modelli ed esperienze a confronto

  1. Cozzolino – C. Rossetti

14,45   Focus sull’attività svolta

aree tematiche e approfondimenti puntuali

. sistema di sorveglianza delle sepsi; processi di accettazione Pronto Soccorso; organizzazione professioni sanitarie (infermieri, operatori socio-sanitari, tecnici di laboratorio, tecnici di radiologia); reti emergenza tempodipendenti: politrauma, infarto miocardio acuto, stroke (ictus); Centro Grandi Ustioni (con particolare riferimento alla Banca della cute); Centro Grandi Ustioni (maxiemergenze); interazione Chirurgia / Terapia Intensiva Post Operatoria; medicina interna (paradigma di complessità assistenziale); medicina iperbarica; isole di Langherans (diabete); infezioni ospedaliere; cardiologia; ematologia; risk management; patologia clinica /laboratorio;

18,30   conclusioni

martedì 27 novembre 2018

 

Cardarelli

8,30

visita dell’Assessore Welfare Regione Lombardia (Giulio Gallera), accompagnato dal Consigliere Sanità Regione Campania (Enrico Coscioni) e dalle Direzioni strategiche Cardarelli – Niguarda

Pronto Soccorso, Osservazione Breve Intensiva, Emodinamica, Radiologia, Neuroradiologia, Rianimazione; reparto week surgery; chirurgie; complesso operatorio (sede della chirurgia robotica);

 

Cardarelli – aula Moriello, padiglione N piano 2

10,00

Incontri bilaterali: modelli ed esperienze a confronto

presentazione dei poster

all’Assessore Welfare Regione Lombardia e al Consigliere Sanità Regione Campania

 

11,00

Cardarelli – aula Moriello, padiglione N piano 2

CONFERENZA STAMPA

Introduzione e presentazione dei risultatoi

a cura dei Direttori Generali, Ciro Verdoliva (Cardarelli), Marco Trivelli (Niguarda)

Conclusioni     Presidente Regione Lombardia Attilio Fontana

Presidente Regione Campania Vincenzo De Luca

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]