Nel frattempo la Legge di bilancio

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Roma. 355 voti favorevoli, 45 contrari. La Camera approva il Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2022 e bilancio pluriennale per il triennio 2022-2024.
Vediamo cosa dicono i nostri politici.
Dall’opposizione
“Siamo ancora alla Camera per il voto finale alla Legge di Bilancio 2022, l’ultimo regalo del Governo che ha annullato totalmente la funzione del Parlamento violando ogni norma regolamentare nelle scelte che riguardano i soldi dei cittadini. Il tutto mentre il più fallimentare esecutivo della storia repubblicana continua a scaricare le proprie responsabilità con obblighi e restrizioni.”
Davide Galantino, Fratelli d’Italia

“Ritardo nei tempi di presentazione, compressione del dibattito parlamentare, totale assenza del ministro dell’Economia Franco. Il mio voto sulla Fiducia posta dal governo sulla manovra è convintamente NO.”
Francesco Lollobrigida, Fratelli d’Italia

“Una legge di bilancio da vero “ragioniere” dello Stato. Ma la politica ha un compito diverso. Trasformare quei numeri in una idea di futuro e in questo il più grande fallimento di questo governo che ha calpestato Costituzione e diritti. Torniamo a votare.”
Ylenja Lucaselli, Fratelli d’Italia

“Non bastava il fortissimo ritardo con cui è arrivata quest’anno in parlamento la legge di bilancio, tanto da rischiare l’esercizio provvisorio, non bastava la 35esima fiducia per abbattere e non discutere gli emendamenti (che poi sono il lavoro dei parlamentari), non bastava il “monocameralismo di fatto” a cui il governo Draghi ci ha tristemente abituato (mortificando così la nostra Costituzione), cioè l’abitudine a far lavorare sui decreti solo una camera e mandarli all’altra “blindati”. Non bastava nemmeno che la discussione in commissione bilancio della legge economicamente più importante dello Stato sia stata ridotta a poche ore e sia rimpinzata di marchette.
Stasera c’è pure un’altra mortificazione: per fare “presto”, è stata troncata perfino la discussione degli ordini del giorno, e a noi di Alternativa sono stati dati 40 secondi a testa per argomentare le nostre richieste…l’ennesima beffa! Insomma ogni scusa è buona per questo governo dei peggiori per calpestare la Costituzione e trasformare una democrazia nel regime del draghistan, con i suoi nani e ballerine al seguito.”
Lea Volpi, l’Alternativa c’è

E dal Governo…
“Grandissima soddisfazione per questa Manovra 2022 espansiva, che stanzia oltre 3mld nel triennio per sostenere le riforme e rimettere la Pa al centro della crescita sociale ed economica del Paese, dalla parte dei cittadini e delle imprese.
…Oltre tre miliardi nel triennio per assunzioni, ordinamenti professionali e carriere, formazione, indennità dei sindaci: il capitale umano pubblico torna protagonista della crescita dell’Italia”
Renato Brunetta, Ministro per la pubblica amministrazione

“Con il collega On. Massimo Bitonci, intervenuto in dichiarazione di voto, l’ ultimo del 2021, sul voto finale per la LEGGE DI BILANCIO per il 2022…
Un intervento appassionato e tecnicamente ineccepibile !!
Gli ho espresso i miei più sinceri complimenti per aver stimolato la reazione del nostro grande partito a chiedere a questo Governo il MASSIMO SFORZO per sostenere, con i prossimi provvedimenti, ancora, di più e meglio, FAMIGLIE E IMPRESE !!!”
Manfredi Potenti, Lega

“Esprimo grande soddisfazione per lo stanziamento in Legge di Bilancio, che abbiamo appena approvato a Montecitorio, di 5 milioni di euro per il 2022 a sostegno del comparto della ceramica artistica e tradizionale, di cui beneficeranno i territori di forte tradizione in questo campo, tra cui Grottaglie, Laterza e Cutrofiano.
La misura è frutto del lungo lavoro dell’Intergruppo parlamentare che mi onoro di presiedere e che è stato possibile realizzare grazie allo scambio sinergico con il senatore Gabriele Lanzi, primo firmatario dell’emendamento riformulato.
Le risorse andranno a rifinanziare la legge 188/90 che regolamenta il settore e saranno finalizzate alla elaborazione e alla realizzazione di specifici progetti per valorizzarlo e rilanciarlo in uno dei momenti di sua massima difficoltà.
Questo comparto infatti, già estremamente fragile perché penalizzato dalle regole del mercato, a causa del protrarsi della emergenza pandemica oggi corre il rischio di scomparire insieme a quel patrimonio prezioso di arte e sapienza, tramandata da secoli per mano dei grandi maestri ceramisti, di cui il nostro Paese può vantarsi agli occhi del mondo. Ogni iniziativa di sostegno diviene dunque di fondamentale importanza.
Con la misura introdotta siamo riusciti a rimediare alla mancata emanazione del decreto attuativo, che ha reso di fatto inutilizzabili le risorse precedentemente stanziate. Mi auguro quindi che quanto accaduto nei mesi scorsi non si ripeta e che si possa procedere celermente a rendere concreta la nuova norma, anche alla luce del fatto che il Consiglio Nazionale Ceramico (CNC) è tornato finalmente operativo.
Il CNC, organismo del Ministero dello sviluppo economico, si è infatti ricostituito lo scorso ottobre anche grazie al nostro impegno ed alle mie ripetute sollecitazioni ed avrà il compito di valutare i progetti che verranno finanziati, inoltre potrà rappresentare più in generale una sponda utile per facilitare le iniziative che come intergruppo metteremo in campo a sostegno del mondo della ceramica. Un mondo che merita la massima attenzione.”
Gianpaolo Cassese, Movimento cinque stelle

“L’Italia un anno fa era ferma, ora corre grazie al governo Draghi. Per questo siamo soddisfatti e anche se non condividiamo il metodo utilizzato, come ItaliaViva voteremo a favore della legge di bilancio.”
Maria Elena Boschi, Italia Viva

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.