Nappi (Lega): dramma abbattimenti in Campania non si ferma nemmeno davanti alla morte

Condividi

VIDEO | “La roulette degli abbattimenti in Campania non si ferma nemmeno davanti alla tragedia di una 96enne, le cui condizioni di salute sono talmente peggiorate a causa dell’apprensione di dover abbandonare la casa in cui viveva da oltre trent’anni, da portarla alla morte in pochi giorni.

Labbattimento eseguito a Pianura 2Le ruspe oggi sono entrate di nuovo in azione a Pianura dove quattro famiglie con 5 minori sono state gettate in strada, aggiornando il bollettino di una bomba sociale che riguarda circa 500mila cittadini campani. Una dramma che continua nell’indifferenza complice di De Luca e dei suoi, capaci persino di sottrarsi all’approvazione di una legge regionale che avrebbe dimostrato innanzitutto la volontà bipartisan di provvedere subito a fermare le ruspe. All’irresponsabilità e all’immobilismo di questa Regione – da me costantemente denunciato nel corso di questa battaglia di dignità sociale – saprà rispondere il nuovo Governo di centrodestra che conosce la drammatica questione degli abbattimenti in Campania, e sono sicuro che si attiverà  per attuare il condono per gli abusi di necessità nella nostra regione”. È quanto afferma Severino Nappi, capogruppo della Lega nel Consiglio regionale della Campania.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]