Napoli. Sapignoli (Lega): “per turismo pacchetti spendibili in un anno ed app ‘made in Napoli'”

Condividi

“Ho partecipato stamane al tavolo tematico su ‘Cultura e Turismo’, alla presenza del vice Sindaco Panini e dell’assessore De Majo, instaurato dal Comune di Napoli per pianificare la cosiddetta ‘fase 2’ portando le proposte della Lega su questi temi: innanzitutto vi è bisogno di prevedere pacchetti turistici spendibili nell’arco di un anno da parte di chi li acquista, così da poter rilanciare l’indotto garantendo un margine di elasticità agli acquirenti”.

NARDONE

È quanto dichiara in una nota l’avv. Simona Sapignoli, coordinatrice cittadina della Lega.

“Ho sottolineato che per la Lega è fondamentale prevedere una serie di iniziative atte a rilanciare e rafforzare il nome di Napoli sotto il profilo turistico. In questo senso vi è bisogno di strutturare una serie di campagne di comunicazione ad hoc, nonché prevedere, come abbiamo proposto, una app apposita che permetta di connettere il resto d’Italia con tutto ciò che si produce a Napoli in ogni settore e con tutte le attrazioni culturali, turistiche, ambientali, paesaggistiche, etc… della città. L’app ‘made in Napoli’ permetterebbe alle tante aziende virtuose della nostra città di avere un amplio bacino di utenza a cui rivolgersi”.

“Abbiamo inoltre – continua la Sapignoli – richiesto che il Comune utilizzi i 18 milioni di euro stanziati per Napoli per ristrutturare e rimboscare i Parchi pubblici, visto che saranno sicuramente in questa nuova fase fondamentali per lo svago delle nostre famiglie e dei bambini ed allo stato attuale i parchi napoletani sono in uno stato pietoso”.

“Abbiamo, poi, portato proposte anche in tema di Musei, cantieri e mobilità: bisogna riaprire i Musei cittadini dando in dotazione ai visitatori, con un investimento che sia a carico del Comune almeno in una prima fase, guanti e mascherine usa e getta all’ingresso, nonché cuffie sanificate per essere guidati digitalmente nella visita. Riaprire i cantieri per il restauro interno di biblioteche e palazzi storici, così da far ripartire un indotto che dovrà lavorare in spazi interni seguendo tutte le norme del caso. In più abbiamo proposto che si rafforzino car sharing, bike sharing e si preveda un boat sharing per gli amanti del mare.

Bisogna, infine, prevedere la riapertura di Napoli Sotterranea e dei siti simili dando una proroga ai privati che già li gestiscono: è impensabile far subentrare in questa fase società partecipate del Comune in perdita”.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]