Napoli, proseguono le visite della prefettura nelle municipalità del territorio

Condividi

Il prefetto presiede il tavolo di osservazione sulla sicurezza urbana a Ponticelli, Barra e S. Giovanni

Il prefetto di Napoli Marco Valentini ha presieduto, oggi, presso il Centro polifunzionale della VI municipalità del comune partenopeo, il tavolo di osservazione sulla sicurezza urbana, istituito con il compito di monitorare le esigenze dei territori, impostare soluzioni per le singole problematiche e offrire concreti contributi per interventi più generali da sottoporre all’attenzione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Il prefetto, in apertura, ha ribadito l’auspicio di un pieno processo partecipativo tra tutti gli interlocutori del pubblico e del privato sociali per l’elaborazione di specifici progetti migliorativi della vivibilità del territorio, per poi procedere con un punto di situazione sullo stato di avanzamento di iniziative pregresse, sull’attività di prevenzione e sui progetti futuri.

Sul fronte della prevenzione e del contrasto alla criminalità organizzata, è stata confermata l’attenzione speciale di prefettura, Forze dell’ordine e Polizia locale nella zona est di Napoli con le 20 operazioni coordinate di controllo del territorio anche con modalità ad “Alto Impatto” negli ultimi due mesi, compreso l’intervento che ha portato all’arresto di tre soggetti ritenuti responsabili dell’esplosione di ordigni nello scorso maggio nella zona di Ponticelli.

Tra le iniziative messe in campo, segnalate dalla municipalità, i progetti di videosorveglianza per il controllo del territorio, la realizzazione della nuova stazione dei Carabinieri di Barra e di un centro polifunzionale per famiglie disagiate. E, ancora, l’auspicata proroga dei contratti di lavoro per i 147 vigili urbani del comune di Napoli e l’avvio delle attività del progetto finanziato dal PON Legalità, denominato “Esserci nel quartiere” che coinvolgerà i giovani a rischio dell’area interessata.

Presenti all’incontro anche i senatori Sandro Ruotolo e Vincenzo Presutto come esponenti – insieme a mondo dell’associazionismo e delle parrocchie dell’area est di Napoli – del neo istituito “Comitato di liberazione dalla camorra”, nato per offrire un contributo al contrasto alla criminalità organizzata e per promuovere una serie di iniziative per riqualificare il territorio della periferia orientale di Napoli. Tra queste alcune progettualità per il rilancio economico, sociale e culturale dell’area anche con il supporto del mondo scolastico per il contrasto alla povertà educativa.

I due parlamentari, all’esito dell’incontro, hanno espresso apprezzamento per il lavoro svolto dalle Forze dell’ordine e vicinanza delle istituzioni al territorio attraverso i tavoli di osservazione.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]