Napoli, nuovo impulso al riutilizzo dei beni confiscati in ambito metropolitano

Condividi

Riunione in prefettura per la definizione di specifiche progettualità con i 47 sindaci interessati

Recenti approfondimenti sul numero e sulla tipologia degli immobili confiscati e sul loro effettivo impiego, hanno fatto emergere che la maggioranza di essi non risultano né riutilizzati né rimessi in funzione.

NARDONE

Per questa ragione, il prefetto di Napoli Marco Valentini ha presieduto oggi una riunione, in modalità telematica, coi rappresentati locali dell’Agenzia nazionale dei beni sequestrati alla criminalità organizzata, dell’agenzia del Demanio e delle Forze dell’ordine del Nucleo di supporto all’agenzia, per un esame congiunto della situazione dei beni confiscati in ambito metropolitano.

È stato, quindi, deciso di promuovere, con il coordinamento della prefettura, un programma di incontri con i 47 Sindaci dell’area metropolitana destinatari di tali beni, finalizzati alla realizzazione di progettualità particolarmente significative cui dare impulso nel quadro di uno specifico cronoprogramma.

L’obiettivo finale resta sempre quello di restituzione alla collettività di tali immobili per generare quell’impatto culturale e simbolico fondamentale per aiutare un processo di partecipazione e condivisione sociale.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]