Napoli, nuove coperture per il Museo archeologico nazionale

Condividi

La ristrutturazione delle coperture e il recupero dei depositi del piano sottotetto. Ecco cosa prevede il bando di gara da oltre 2,7 milioni di euro, pubblicato da Invitalia in qualità di Centrale di Committenza per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (M.A.N.N.).

Il progetto esecutivo dei lavori oggetto dell’appalto è stato elaborato a partire dal progetto definitivo messo a punto nell’ambito di “Mumex – Poli museali di eccellenza nel Mezzogiorno”, il Progetto gestito da Invitalia con l’obiettivo di fare del patrimonio museale e culturale del Mezzogiorno uno strumento di crescita economica del territorio.

Le opere, finanziate a valere sul PON Cultura e Sviluppo, puntano a eliminare le cause di infiltrazione dell’acqua sulla copertura a falda e piana, all’interno degli ambienti e lungo le gronde.

È inoltre prevista la sostituzione dei lucernari e degli infissi presenti sulle coperture interessate dall’intervento di ristrutturazione oltre che la sostituzione dell’attuale sistema di illuminazione delle aree a deposito affresco del secondo piano.

Per consultare la documentazione di gara e presentare le offerte basta collegarsi alla piattaforma Gare e Appalti di Invitalia.

Per approfondire il progetto Mumex

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]